Iran: cibo e cultura

Cosa si mangia di buono in Iran?

Carne

Generalmente tritata o tagliata a pezzetti e servita sotto forma di spiedini, può essere d’agnello, di pollo, di vitello o di montone, assente quella di maiale per motivi religiosi; la carne di cammello viene considerata una vera prelibatezza.

Pesce

Ci sono specialità di pesce del mar Caspio a Nord ; i pesci di fiume e i piatti tipici di pesce del sud sono famosi.
Da assaggiare il caviale iraniano.

Verdura

C’è una grande varietà dei piatti di melanzana, specialità di ogni provincia.
Verdure e le erbette aromatiche sono quasi sempre accompagnatori fissi di carne.

Spezie

Nei bazar di ogni città ci sono vari tipi di spezie di diversi colori e sapori e si trovano in tutte le case persiane per rendere saporito il cibo e a differenza alle spezie indiane non sono piccanti o usate in abbondanza.

Bevande

“Dough”, una bevanda a base di yogurt, dei succhi estivi di acqua minerale, limone e spezie. Frullati freschi di frutta, come melone, more, fragole, melograno ecc si trovano in ogni città.

Frutta, dolci e specialità regionali

La frutta è squisita e varia, la zona orientale del paese è famosa per i melograni dolcissimi, oltre alla città di Saveh, a sud si trovano meloni e cocomeri praticamente tutto l’anno grazie al clima favorevole, i datteri freschi sono una vera e propria specialità e ci sono molte varietà, si trovano in quasi tutto il paese ma soprattutto nella zona sud-orientale (Kerman, Bam); è molto utilizzata la frutta secca, in particolare fichi e pistacchi (famosi nella zona di Rafsanjan).
Ogni città ha la sua particolarità dolciaria, come il torrone di Isfahan, le marmellate di Shiraz, i baghlava di Yazd, i Koluche di Ghilan,

Piatti tipici iraniani

Celo Kebab è il piatto tipico iraniano per antonomasia, e si tratta di un piatto unico di carne grigliata accompagnata con riso. Ci sono moltissime variazioni di kebab con riso aromatizzato allo zafferano. Altro piatto nazionale iraniano è il Ghormeh Sabzi, ovvero uno stufato di verdure, legumi ed erbe aromatiche sempre accompagnato con il riso. Il riso senza dubbio è l’alimento principale nella dieta degli iraniani e può essere abbinato ad altri cibi, servito in maniera semplice con lo zafferano o condito con prodotti tipici come nel caso del Shirin Polo o riso dolce condito con pollo, cipolla e buccia d’arancia caramellate, zafferano e mandorle e pistacchi, o del Zereshk Polo il quale viene condito con zafferano, curcuma, cumino, mandorle, pistacchi, pollo e zereshk appunto che sono le bacche di crispino.

Come vestirsi in Iran?

Per le donne, si consiglia di coprirsi il capo con un foulard in maniera che i capelli e il collo non siano troppo visibili. E’ proibito l’uso di pantaloni corti sia per le donne che per gli uomini. Nei luoghi sacri non è ammesso l’uso delle maniche corte neanche per gli uomini. Nei periodi di lutto religioso e di digiuno, soprattutto durante l’Ashura e il Ramadan, i controlli sull’abbigliamento sono più severi.

Misure di precauzione e prudenza

E’ proibita l’importazione, l’uso, la detenzione e lo spaccio di qualsiasi tipo di bevanda alcolica;
E’ proibita l’importazione, l’introduzione nel paese o la detenzione di qualsiasi tipo di pubblicazione o materiale audiovisivo che la severa morale islamica ritenga contrario al pudore. Anche normali riviste, videocassette e stampe raffiguranti persone il cui abbigliamento non rispetti i criteri islamici, possono rientrare nella categoria di “materiale pornografico”. Tali divieti di importazione e detenzione comportano in genere il sequestro della merce;
Esistono limitazioni nell’uso di apparecchi fotografici e videocamere, soprattutto nelle zone di confine e in prossimità di installazioni governative civili e militari. Si consiglia di informarsi in precedenza presso la polizia del luogo circa la possibilità di fare riprese o fotografie. In ogni caso, occorre chiedere agli interessati il permesso di scattare fotografie o riprendere immagini e persone, in particolar modo, alle donne. Per tali reati, a seconda della loro gravità, sono previste pene pecuniarie o detentive .

Acquisti

L’artigianato locale è famoso in tutto il mondo. Gli acquisti più ricercati sono i famosi tappeti persiani, i kilim, di varie qualità, diversi colori e disegni secondo la regione che li produce e le tecniche adoperate che gli iraniani si tramandano da secoli. Si possono inoltre acquistare bellissimi oggetti di oreficeria, filigrane e monili d’argento, oggetti in rame smaltato, stoffe e smalti. E’ preferibile evitare l’acquisto di oggetti o tappeti antichi, in quanto la dogana iraniana può rendere difficile l’esportazione. All’aeroporto si può comprare dell’ottimo caviale del Mar Caspio in valuta locale. I luoghi più adatti dove fare acquisti sono i bazar, che si trovano in tutte le città principali, a Teheran, a Esfahan, Shiraz e Yazd.
Come programma si consiglia di partecipare all’acquisti Equo e Solidali nei paesini indicati.

Iran: cibo e cultura