Senegal cibo e cultura

Che lingua si parla in Senegal?

La lingua ufficiale del Senegal è il francese, ma molte famiglie parlano il Wolof, lingua dell’etnia prevalente. Il wolof (‘ouolof in francese) è la lingua della popolazione omonima che vive  nella zona centrale a nord e a est di Dakar. Si parlano anche il pulaar, il diola, il sérer e il mandingo.

Cosa si mangia in Senegal?

La cucina senegalese è ricca e variegata. Si passa dalle deliziose melange di verdure a succulenti piatti di pesce. Il piatto principale della cucina senegalese è il Thiebou dien riso con pesce, aglio, cipolla e spezie piccanti. Il secondo piatto tradizionale è  Yassa poulet,  pollo stufato con succo di limone e cipolla.

Le specialità che trionfano nel paese sono il maffé, spezzatino condito con pasta d’arachidi. Naturalmente, in questa parte d’Africa poteva mancare l’influenza del cous cous.

A fine pasto, viene proposto spesso il “pane delle scimmie“, la polpa dolce e spezzettata del frutto del baobab. Tutto il pranzo è accompagnato da bissap, un infuso di Karcadè servito freddo.

Fra le verdure si fa uso di: manioca, in tuberi o in foglie, niébés (piccoli fagioli locali), pomodori piccoli quasi come ciliege, gombos (per gli stufati) e bissap (per i piatti di riso o miglio).

Fra la frutta troviamo durante tutto l’anno banane, d’inverno angurie, meloni e agrumi e d’estate manghi e papaya.

Fra le bevande tipiche citiamo: la birra di produzione nazionale, il tè alla menta, il dakhar (decotto di tamarindo), le bibite di zenzero, il vino di palma, la birra di miglio, il bissap (infuso di petali di fiore rosa).

Senegal cibo e cultura