Il blog di VeM

Viaggio zaino in spalla in Perù
Chinchero

Perù | Viaggio zaino in spalla in Perù

21 Gennaio 2019

Abbiamo rivolto qualche domanda a Gianluca, l’accompagnatore del nostro viaggio avventura in Perù, per conoscere meglio la meta e che cosa significa viaggiare zaino in spalla…

 

Durante il viaggio si verrà a contatto con alcune popolazioni locali. Che tipo di incontro si farà?
Durante tutto il viaggio avremo la possibilità di interagire con la popolazione locale. A Lima visiteremo dei progetti solidali nella periferia sud della capitale. Stiamo inoltre organizzando un pranzo comunitario per la domenica di Pasqua. A Taquile, un’isola del Lago Titicaca, saremo ospiti di famiglie locali, dormiremo nelle loro case e condivideremo con loro i pasti e le attività giornaliere. Inoltre tutti gli autisti, le guide locali ed i ristoratori dove mangeremo sono peruviani.

Viaggio in Perù

 

Ci parleresti della meravigliosa esperienza di turismo comunitario che si svolge sull’Isola di Taquile, nel lago Titicaca?
Taquile è un’isola meravigliosa in mezzo al Lago Titicaca dove il tempo sembra si sia fermato cent’anni fa. Non ci sono macchine e tutti si spostano a piedi lungo i sentieri di pietra che dividono i terrazzamenti dove si coltiva quinoa, mais e patate. Taquile è patria di antichi miti e tradizioni Inca. Un’antica leggenda racconta che dalle acque del Lago emersero Mamà Occlo e Manco Capac, figli di Inti, il dio Sole. La versione Inca di Adamo ed Eva si diresse a nord per fondare la città di Cusco, dal quechua “ombelico del Mondo”, futura capitale del Tawantinsuyu, l’enorme impero Inca che si estese dalla Colombia all’Argentina. A Taquile inoltre c’è un’importante tradizione tessile. Le famiglie che ci ospiteranno ci faranno vedere come tessono a mano i famosi berretti peruviani, le sciarpe, mante e cinture, tutto con lana di alpaca, lama e pecora. Dormiremo nelle loro case fatte di adobe (mattoni di paglia e fango), semplici ma pulite.

Viaggio in Perù
Pranzo con vista, Taquile

Il valore aggiunto del viaggiare con mezzi pubblici è…
Viaggiare con i mezzi pubblici è a mio avviso il miglior modo di conoscere la popolazione locale. Prendendo i mezzi pubblici capiremo come si muovono i locali e quali disagi devono affrontare. Inoltre spostandoci in bus vedremo bellissimi paesaggi ed avremo modo di conoscere tante persone interessanti.

 

Zaino o valigia, cosa consigli di portare in Perù?
Sicuramente, dati i molti spostamenti, sarà più pratico portarsi dietro uno zaino da 60/70 litri da mettere in stiva, ed uno zainetto più piccolo da portare come bagaglio a mano, utile anche per le escursioni come a Taquile o Machu Picchu. In alternativa sarà possibile viaggiare anche con la valigia. In entrambi i casi consiglio non caricare inutilmente il peso dei bagagli e portarsi via l’essenziale. A chi verrà con lo zaino consiglio di pesarlo e di provare a non superare i 10kg alla partenza. Come abbigliamento avremo bisogno di una giacca a vento o piumino leggero, un pile o maglione, una felpa, pantaloni lunghi e corti, magliette ed intimo, oltre che ad un paio di scarpe da trekking leggero, comode per camminare in città e montagna.

 

Cosa non deve mancare nello zaino?
Nello zaino bisognerà mettere un buon spirito di adattamento, non dormiremo in hotel a 4 stelle ed a volte aspetteremo che si riempa il bus prima di partire. Sicuramente non dovrà mancare la voglia di aprirsi al Mondo, scoprendo culture e tradizioni diverse, il rispetto di tutte le persone, dei luoghi e della natura che incontreremo, ed il desiderio di conoscere l’altro, diverso ma allo stesso modo uguale a noi.

Viaggio in Perù
Isole Uros, Lago Titicaca