Viaggio in Piemonte, tour del Lago d’Orta

Unica partenza: 4-6 ottobre

Tre giorni di scoperta e riflessione, accompagnati da un’associazione di Bolzano Novarese, che si occupa della salvaguardia ambientale. Il lago d’Orta è una perla circondata dalle Alpi centrali e dominata del Monte Rosa. Più piccolo del vicino Lago Maggiore, è meno frequentato dal turismo di massa ed è incastonato tra le Prealpi, la Valsesia e la Valstrona. Uno scrigno d’arte, cultura e bellezza naturale, tornato alla vita dopo decenni grazie ad una operazione di bonifica, unica nel suo genere, che gli ha restituito le originarie acque cristalline. Si tratta di un luogo abitato sin da tempi antichissimi, sede di saghe e leggende. Il lago è costellato d’incantevoli borghi medioevali, cui si può accedere grazie ad antichi e spettacolari sentieri.

Viaggio in Piemonte, tour del Lago d’Orta
divisorio

Il viaggio giorno per giorno

PER MAGGIORI INFORMAZIONI CONTATTO SOLO VIA EMAIL A italia@viaggiemiraggi.org

Programma di viaggio in Piemonte

1° giorno

Arrivo a Bolzano Novarese alle ore 10.00, accoglienza da parte del referente locale e presentazione della proposta.

A seguire trasferimento a piedi ad Ameno (circa 1 ora e mezza) e visita del paese.

Ameno, detto anche “il paese degli artisti”, è una ridente cittadina dalle origini molto antiche. Lo caratterizzano ville gentilizie, meraviglie architettoniche e il paesaggio dei dintorni che è strepitoso, con boschi di castagno e querceti. Ad Ameno è stato sviluppato il progetto “Il Quadrifoglio di Ameno”: quattro percorsi ad anello, percorribili a piedi, in mountain bike e a cavallo; questi sentieri consentono una esplorazione slow del territorio e in perfetta armonia con la natura.

Pranzo al Circolo di Ameno

Nel pomeriggio trekking breve verso il Monte Mesma (circa 1 ora e mezza) e visita al Convento Francescano del 1600, con attenzione all’antica biblioteca (dov’è conservata la prima stampa della Divina Commedia).

Il Monte Mesma (576 m) ospita un tranquillo convento francescano seicentesco con la sua chiesa. La vista panoramica dal sagrato è molto suggestiva e porta l’occhio a perdersi sul vicino paese di Orta San Giulio, sul lago e anche verso il massiccio del Monte Rosa.

Rientro a piedi in B&B (circa 1 ora) e pausa riposo fino alle 18.00.

Seminario sulla rinascita del Lago d’Orta e, a seguire, cena e pernottamento.

2° giorno

Dopo la colazione con prodotti biologici, trekking per il Sacro Monte di Orta (circa 1 ora e mezza). Si raggiungerà il punto panoramico e verrà fatta una introduzione al Sacro Monte. Visita al Sacro Monte e alle cappelle (Sito Unesco).

Il Sacro Monte d’Orta (400 m) è posto in una magnifica posizione panoramica sull’abitato di Orta e sul lago omonimo. Al suo interno sono state costruite venti cappelle affrescate, in cui 375 statue in terracotta di grandezza naturale illustrano la vita di San Francesco d’Assisi. I lavori di costruzione del complesso religioso iniziarono nel 1590. 

Pranzo al sacco Km 0

Dopo pranzo discesa ad Orta (circa mezz’ora), visita della città.

Orta San Giulio rappresenta il cuore del lago, ed è patrimonio dell’Unesco. È stata per secoli la capitale della riviera d’Orta. Possiede una splendida piazza affacciata sul lago, al cui centro si erge il Palazzotto, costruzione medioevale finemente affrescata che ospitava il governo della città.

Visita dell’Isola San Giulio, tour in barca del Lago e avremo un’ora di tempo a disposizione per rilassarci sulla spiaggia Miami, dalla quale verso le 19.00 inizieremo a rientrare a piedi verso la struttura (circa mezz’ora).

Il Lago d’Orta è considerato il lago più romantico d’Italia. Si estende dalle campagne di Novara fino ai piedi del Mottarone, il monte che lo separa dal lago Maggiore. Lungo 15 km e largo 2 è forse un lago ridotto in dimensioni, ma ricchissimo di bellezze: uno spettacolare scenario naturale, borghi romantici e balconi panoramici incredibili.

Una dei gioielli del lago è, indubbiamente, l’Isola San Giulio, le cui origini sono avvolte nella leggenda. Tra tutte quella di San Giulio e il drago: si narra che il santo abbia sconfitto la fiera, obbligandola a lasciare l’isola, che in seguito avrebbe preso il suo nome. La leggenda si è tramandata tra le donne locali che andavano a chiedere favori presso la grotta ove si riteneva il drago si fosse rifugiato. L’isola di San Giulio era un tempo fortezza medioevale inespugnabile ed ora sede di uno dei più prestigiosi monasteri femminili di clausura. Sull’isola, che ha ispirato Gianni Rodari nel Barone Lamberto, quanto numerosi scrittori e registi, tra cui Giuseppe Tornatore nella «Corrispondenza», è consigliata la regola del silenzio.

Cena e pernottamento in B&B.

3° giorno

Dopo la colazione con prodotti biologici, trasferimento a piedi a Miasino (circa 1 ora) e pausa a Villa Nigra per un workshop sul cambiamento climatico.

Villa Nigra è uno splendido esempio di residenza aristocratica di campagna. Costruita per opera della famiglia Martelli, è composta da tre corpi di fabbrica risalenti ad epoche diverse, ma la parte originale è del Cinquecento. Negli ultimi anni Villa Nigra è divenuto il luogo ideale per eventi culturali, convegni, festival musicali e mostre temporanee, fornendo una cornice del tutto esclusiva e singolare.

Trasferimento a piedi a Orta (circa 1 ora), battello per Omegna (circa 45 minuti) e pranzo in un bar d’artista.

Dopo pranzo al visita Centro Mastronauta, alla Casa di Rodari e tour dell’Omegna post industriale.

Lo Spazio Mastronauta è sito all’interno di uno stabile di archeologia industriale costruito nel 1940. Si sviluppa su tre piani originariamente tutti occupati dalla Fonderia F.A.R.O. che produceva casalinghi e giocattoli in alluminio pressofuso. Mastronauta è una realtà no-profit indipendente e multidisciplinare che dal 2001 presiede allo sviluppo di attività inerenti l’arte e la cultura con precisi focus sugli aspetti più vari del linguaggio del contemporaneo, dal design, alla musica, passando per una lente di eccellenza quale la residenza per artisti CARS Cusio Artist Residency Space. La sede dell’Associazione è un felice esempio di archeologia industriale riconvertita in luogo di grande fermento socio-culturale ed artistico i cui locali sono a disposizione di chiunque necessiti di un spazio-laboratorio per momenti di creazione e ricerca personale o collettiva. Negli anni sono stati organizzati e promossi numerosi corsi, workshop, esposizioni, residenze per artisti, eventi e rassegne favorendo forme di socialità alternativa e la pratica delle discipline artistico-creative.

Treno per Orta Miasino (circa 17 minuti) e rientro a piedi al B&B (circa 1 ora).

Pausa riposo e verso le 18.30 saluti.

Fine del viaggio.

Note di viaggio

Il presente programma può essere soggetto a variazioni, sia prima che in corso di viaggio, in base al clima, le festività, alle esigenze dei viaggiatori e delle persone che ospitano il gruppo di viaggiatori.

La proposta prevede due tipi di pernottamento: camera doppia o tripla con bagno e camerata.

Referente locale

Il viaggio è accompagnato da Paola e Massimo Annibale, entrambi ricercatori appassionati del territorio.

Livello di difficoltà

La proposta non presenta alcun livello di difficoltà.

Quando

Il presente programma è valido per le date indicate nel sito www.viaggiemiraggi.org
Per maggiori informazioni, il documento Come viaggiamo è consultabile sul sito internet o richiedibile direttamente in agenzia.

Quanto

Quote a persona per il viaggio di 3 giorni/2 notti, per un gruppo di:

VoceQuota individuale
6-12 persone6-12 persone
Quota viaggio190,00 (in camerata)220,00 (in camera doppia)

PER I DETTAGLI SULLA SCHEDA PREZZO TRASPARENTE CONTATTARE L’AGENZIA

Il costo totale espresso comprende:

  • struttura ricettiva in camera doppia-tripla, comprensiva di lenzuola e coperte per 2 notti con bagno proprio e colazione inclusa (in alternativa struttura ricettiva in camerata, con materasso e lenzuola per 2 notti e bagno condiviso e colazione inclusa)
  • servizio accoglienza e accompagnamento durante i 3 giorni di permanenza
  • spese vive accompagnatore
  • tour in barca privata
  • mezzi di trasporto pubblici: battello e treno
  • 2 pranzi, due cene e una colazione al sacco
  • incontro con testimonial ed esperti locali
  • compensi di intermediazione

Il costo totale espresso non comprende:

  • il viaggio a/r per/da Bolzano Novarese
  • assicurazione medico-bagaglio Filo diretto Assistance (solo per viaggiatori in partenza da territorio italiano)
  • assicurazione annullamento Filo diretto Assistance acquistabile in agenzia entro 32 giorni prima della partenza o in concomitanza con l’iscrizione al viaggi
  • spese personali, extra in genere e quanto non espresso nelle voci sopra indicate

Le quote sono soggette a riconferma al momento della prenotazione

Condizioni di realizzazione

Il numero minimo di partecipanti richiesto per la realizzazione del viaggio è di 6 persone, massimo 12. Il viaggiatore sarà informato 15 giorni prima della partenza del raggiungimento o meno del numero minimo di partecipanti.

In caso di maltempo il tour sarà sospeso e ai partecipanti rimborsata la quota versata.

È possibile organizzare tour su misura per gruppi precostituiti di almeno 6 persone.

Informazioni

Per maggiori informazioni scrivere una e-mail all’indirizzo: italia@viaggiemiraggi.org


Richiedi un preventivo Stampa programma

Prossime partenze

  • 04/10/19 06/10/19

Ti accompagnerà

Paola

Innamorata del lago d’Orta, è vicepresidente di un’associazione locale impegnata nella salvaguardia ambientale e nella valorizzazione del Lago, che opera in rete con operatori e produttori locali. Con l’associazione è al centro di una vasta rete di difesa ambientale, che comprende il Parco del Ticino e l’Ecomuseo. Paola è attiva in numerosi progetti per la salvaguardia e la valorizzazione del territorio, tra cui la riabilitazione della Torre del Buccione che sovrasta il lago. Organizza visite di approfondimento e sensibilizzazione, in particolare con i ragazzi e le scuole del territorio.

Paola

Massimo Annibale

Dal 2010 si occupa di viaggi solidali ed è un appassionato di Medioriente, ove opera da molti anni in qualità di operatore umanitario per la ONG Vento di Terra. Ricercatore e divulgatore, ha scoperto da alcuni anni le potenzialità del turismo di prossimità e la possibilità di sensibilizzare i partecipanti ai tour alle tematiche ambientali. Pedagogista di formazione e convinto assertore del lavoro di rete, è laureato in letteratura moderna.

Massimo Annibale
divisorio