Pasqua in Serbia, tour tra Belgrado, Novi Sad e le montagne

Tra natura, tradizioni e cultura

Otto giorni nel periodo pasquale da trascorrere in uno dei centri più vivaci dell’Europa sud-orientale, Belgrado, la “Berlino del XXI secolo”. Vecchia capitale della Jugoslavia,crocevia di civiltà e imperi come quello Austro-Ungarico e Ottomano, risorta dai conflitti degli anni ’90 e dal tragico bombardamento NATO, Belgrado è la culla della creatività balcanica dove il fascino rétro delle vecchie osterie in cui sorseggiare un bicchiere di acquavite convive con le più ricercate sonorità jazz o elettroniche provenienti dai numerosi localini nascosti nei cortili degli edifici del centro, oppure adagiati lungo il fiume Sava che confluisce nel Danubio sotto le mura della fortezza di Kalemegdan.

Accanto a Belgrado si visiterà la Vojvodina, provincia autonoma della Serbia, di impronta austro-ungarica. Partiremo con Novi Sad, cittadina danubiana situata a un’ora da Belgrado famosa per la fortezza di Petrovoradin nota come la “Gibilterra del Danubio” per poi cenare e pernottare in un agriturismo immerso nelle pianure pannoniche; Sremski Karlovci con la sua tradizione vitivinicola risalente ai tempi dei romani.

I primi due giorni saranno infine dedicati alla Serbia centrale, dalle montagne magiche attorno a Sokobanja sino alla zona di Kraljevo con il monastero di Studenica e la visita all’unico Presìdio Slow Food della Serbia, la rakija di prugne Crvena Ranka di Gledić.

Pasqua in Serbia, tour tra Belgrado, Novi Sad e le montagne
divisorio

Il viaggio giorno per giorno

Programma di viaggio in Serbia

1° giorno – sabato 20 aprile

Arrivo all’aeroporto di Niš e incontro con il nostro mediatore culturale.

Volo:

CompagniaPartenzaArrivo
AeroportoOrarioAeroportoOrario
RyanairOrio al Serio15:10Nis16:55

Trasferimento a Sokobanja (2 ore) e sistemazione in diversi B&B del villaggio. Partenza per antichi mulini (1 km) e cena tradizionale organizzata da un’associazione locale impegnata nel recupero delle tradizionali locali. Durante la cena incontro con un etnologo, nonché poeta, il quale ci introdurrà alla storia della regione. Pernottamento in camere doppie con bagno privato.

2° giorno – domenica 21 aprile

Colazione in B&B. Al mattino visita del villaggio con il suo hammam turco ancora in funzione e passeggiata lungo il fiume Moravica sino alle rovine di Sokograd (Città del falco) a cui sono legate molte leggende. In tarda mattinata partenza in pulmino per il monte Ozren (1174 m) con sosta a Oćno, un luogo di culto visitato da numerose persone ipovedenti per le cure di riabilitazione visiva. Proseguimento verso Kalinovica dove sarà organizzato un picnic contadino e degustazione di tisane dalla comunità di raccoglitori di piante officinali. Nel pomeriggio possibilità di riposo e brevi camminate o in alternativa un bagno nell’hammam.

Per cena ci sposteremo presso l’ecovillaggio di Vrmdža (30 minuti) presso una casa contadina accompagnati da un gruppo locale di ottoni. Ritorno a Sokobanja e pernottamento in camere doppie con bagno privato.

3° giorno – lunedì 22 aprile

Colazione in B&B. Trasferimento a Gledić (3 ore) per visitare il presìdio Slow Food della grappa di prugne “Crvena Ranka”. Pranzo organizzato presso la fattoria della famiglia della presidente dell’associazione “Crvena Ranka” e fiduciaria del presìdio.

La rakija è la bevanda alcolica per eccellenza di tutti i Balcani: non c’è regione, villaggio, casa dei Balcani in cui manchi una bottiglia pronta a dare il benvenuto agli ospiti, ad accompagnare i pasti e a segnare il ritmo dei giorni e delle stagioni. La regione Serba della Šumadija è da sempre rinomata per la qualità delle sue prugne. Ma è solo sulla dolce catena montuosa che separa le città di Kraljevo e Kragujevac, chiamata Gledić, che si coltiva un’antica varietà di prugne detta crvena ranka (lett. la rossa precoce), particolarmente vocata per la produzione di rakija, che qui è sopravvissuta all’attacco del virus sharka (plum pox) arrivato con l’introduzione della varietà stanley importata dall’America. Il Presidio nasce per sostenere lo sforzo dell’Associazione dei Produttori di Rakija di Gledic “Crvena Ranka”, per ottenere un prodotto artigianale di alta qualità, riconoscibile sul mercato. In particolare, lavora per mettere a norma e registrare i laboratori di produzione, ottenendo così un prodotto disponibile sul mercato nazionale ed estero.

Dopo pranzo ci inoltreremo poi nel cuore della valle dell’Ibar per visitare il monastero di Studenica, dove riposano le spoglie del capostipite della dinastia Nemanijć, Stefan Nemanja (fine XII secolo), divenuto poi San Simeone. Quindi spostamento presso il villaggio di Lopatnica e sistemazione presso agriturismi e famiglie del villaggio. La cena è prevista in uno dei ristoranti più famosi della Serbia, con i prodotti tipici del luogo. Ritorno presso gli agriturismi e le famiglie. Camere doppie con bagno in comune.

4° giorno – martedì 23 aprile

Colazione presso agriturismi e famiglie. Trasferimento a Belgrado (2,5 ore) e sistemazione in hotel nel centro cittadino. Pranzo libero. A seguire visita del cuore storico della città, in particolare il quartiere di Dorćol (un tempo abitato dalle comunità turca e sefardita) e la fortezza di Kalemegdan. Nel tardo pomeriggio ci sposteremo a Zemun, la “piccola Vienna” adagiata sulle rive del Danubio per secoli ultimo avamposto austro-ungarico nonché confine con l’Impero ottomano, dove assisteremo ad un concerto per pianoforte e voce per rivivere le atmosfere mitteleuropee al suono di vecchi lieder. A seguire cena di pesce in ristorante tradizionale. Ritorno in albergo e pernottamento. Camere doppie con bagno privato.

5° giorno – mercoledì 24 aprile

Colazione in hotel. Al mattino, accompagnati da uno storico italiano residente a Belgrado, ci muoveremo lungo memorie materiali e immateriali legate agli eventi che hanno attraversato la Serbia negli ultimi trent’anni. In tarda mattina spostamento in pullman presso il sito archeologico di Vinča. Arrivo al sito archeologico di Vinča e incontro con l’archeologo a capo del sito per introdurci all’antica civiltà preistorica conosciuta come “cultura di Vinča“. Pranzo presso il sito archeologico organizzato dal convivium Slow Food “Dorcol”. Dopo pranzo ritorno in albergo per un breve riposo e tempo libero. Cena in un ristorante tipico belgradese membro del convivium Slow Food “Dorcol”. Pernottamento in hotel. Camere doppie con bagno privato.

6° giorno – giovedì 25 aprile

Colazione in hotel. Al mattino visita della Casa dei fiori, complesso museale dedicato alla figura di Tito dove si trova anche il mausoleo in cui riposa il leader della Jugoslavia socialista. In tarda mattinata trasferimento in Vojvodina (1,5 ore) e pranzo nel villaggio di Futog organizzato dal locale Convivium Slow Food dei Produttori del cavolo cappuccio. Al termine del pranzo visita dei monasteri ortodossi di Hopovo e Krušedol entrambi situati all’interno del parco nazionale della Fruška Gora. Quindi trasferimento nei dintorni di Novi Sad presso un agriturismo immerso nella pianura della Pannonia: casali bianchi e rossi, stanze riscaldate in inverno da stufe enormi, tutte arredate con mobili originali della tradizione contadina, provenienti da famiglie serbe, tedesche, magiare, croate e russe della zona. Cena accompagnati da un ensemble rom locale e pernottamento presso l’agriturismo. Camere doppie con bagno privato.

7° giorno – venerdì 26 aprile

Colazione presso l’agriturismo. In mattinata visita del centro di Novi Sad, l’Atene serba ancor tra i centri culturali del paese. In tarda mattinata presso la splendida sinagoga cittadina verrà organizzato il concerto di un gruppo klezmer, impegnato ad indagare e preservare la tradizione musicale ebraica ed in particolare il repertorio klezmer, espressione musicale della cultura ashkenazita.

Pranzo libero. Al pomeriggio visita della fortezza di Petrovaradin, chiamata dagli austriaci la “Gibilterra del Danubio”, quindi trasferimento nel vicino paese di Sremski Karlovci, culla spirituale serba sotto l’Impero asburgico: il patriarcato in funzione dal 1848 al 1920 e oggi sede del metropolita; la scuola seminariale ortodossa più antica del mondo dopo quella di Kiev; il primo ginnasio della Serbia (con una bella biblioteca).

Sremski Karlovci è anche famosa per essere stata sede delle trattative di pace seguite alla battaglia di Zenta (11 settembre 1697), quando i soldati della Lega Santa comandati dal principe Eugenio di Savoia sbaragliarono l’esercito ottomano del Sultano Mustafa II sulle rive del Tibisco. I nuovi confini danubiani tra Impero Ottomano e Asburgico tracciati da Luigi Ferdinando Marsili negli anni successivi alla firma del trattato di pace (26 gennaio 1699) rimasero più o meno invariati sino all’implosione dei due imperi con la prima guerra mondiale.

Sremski Karlovci è anche famosa sin dai tempi romani per la sua tradizione vitivinicola. Prima di cena è prevista una degustazione in una cantina per scoprire in particolare il Bermet apprezzato presso la corte di Vienna. A seguire cena di pesce in ristorante tradizionale sul Danubio. Ritorno all’agriturismo e pernottamento. Camere doppie con bagno privato.

8° giorno – sabato 27 aprile

Colazione presso l’agriturismo. Partenza per Niš (3,5 ore) e breve visita della fortezza medioevale. Pranzo libero. A seguire trasferimento in aeroporto in orario utile per l’imbarco con il seguente volo:

CompagniaPartenzaArrivo
AeroportoOrarioAeroportoOrario
RyanairNis17:20Orio al Serio19:10

Note di viaggio

Il pernottamento è previsto in hotel quattro stelle, agriturismi e famiglie.

Il presente programma può essere soggetto a variazioni, sia prima che in corso di viaggio, in base al clima, le festività, alle esigenze dei viaggiatori e delle persone che ospitano il gruppo di viaggiatori.
Nessuna vaccinazione o visto di ingresso obbligatori.

Passaporto/ Carta di identità: A partire dal 12 giugno 2010, i cittadini dei Paesi membri dell’Unione Europea possono viaggiare nella Repubblica di Serbia avvalendosi anche della sola carta di identità valida per l’espatrio, e non solo del passaporto, per un periodo di soggiorno che non ecceda i 90 giorni.

Per maggiori informazioni sulle vaccinazioni consultare la propria Asl, per i documenti necessari, clima, abbigliamento ecc. richiedere all’agenzia il documento Prima di partire.

Referente locale

Il viaggio è completamente accompagnato da un referente locale parlante italiano e profondo conoscitore della cultura serba.

Livello di difficoltà

In questo viaggio saranno utilizzati mezzi pubblici e privati. La presenza di barriere architettoniche ostacola la partecipazione di persone con difficoltà motorie.

Quando

Il presente programma è valido per le date indicate nel sito www.viaggiemiraggi.org

È possibile concordare altre date rispetto a quelle proposte: per maggiori informazioni vedere il documento Come viaggiamo, consultabile sul sito internet o richiedibile direttamente in agenzia.

Quanto

Quota a persona per il viaggio di 8 giorni, per un gruppo di:

VoceQuota individuale
18 persone16 persone14 persone12 persone
Quota viaggio780,00805,00840,00885,00

PER I DETTAGLI SULLA SCHEDA PREZZO TRASPARENTE CONTATTARE L’AGENZIA

Il costo totale espresso comprende 

  • materiale informativo, incontro pre-viaggio e verifica post-viaggio
  • compensi di intermediazione
  • tutti i pernottamenti in camera doppia con bagno privato
  • trasporti con autobus privato
  • spese vive e compenso della guida locale
  • spese vive e compenso della fiduciaria del Convivium Slow Food Dorcol per i giorni 1, 2, 4
  • visita guidata a Sokobanja, Studenica, Belgrado, Novi sad, Sremski Karlovci come da programma
  • concerti a Sokobanja, Novi Sad e Belgrado
  • 4 pranzi e 7 cene (acqua e 1 alcolico/analcolico incluso per pasto)
  • contributo realtà associative locali

Il costo totale espresso non comprende

  • il volo aereo* di A/R, prenotabile presso l’agenzia ViaggieMiraggi a partire da €80
  • assicurazione medico-bagaglio Filo diretto Assistance (solo per viaggiatori con partenza da territorio italiano)
  • assicurazione annullamento Filo diretto Assistance acquistabile in agenzia entro 32 giorni prima della partenza o in concomitanza con l’iscrizione al viaggio
  • supplemento singola (€80 a persona)
  • eventuali supplementi per fluttuazioni del cambio dinaro serbo/euro
  • 3 pranzi non inclusi nel programma(costi indicativi di €10-15 a pasto a persona)
  • spostamento taxi a Belgrado (costi indicativi €10-15 a persona)
  • spese personali, mance, extra in genere e quanto non espresso nelle voci sopra indicate

*il costo del volo aereo dipende dalla quotazione del biglietto al momento della prenotazione ed è soggetto a riconferma al momento dell’emissione.

Le quote sono soggette a riconferma al momento della prenotazione

Condizioni di realizzazione

Il numero minimo di partecipanti richiesto per la realizzazione del viaggio è di 12, il numero massimo 18. Il viaggiatore sarà informato 15 giorni prima della partenza del raggiungimento o meno del numero minimo di partecipanti.


Richiedi un preventivo Versione stampabile

Prossime partenze

  • 20/04/19 27/04/19