Trekking attraverso le Alpi del nord del Piemonte

The Trails to Freedom, in cammino verso la libertà

Questo straordinario cammino di 7 giorni attraverso le Alpi del nord Piemonte unisce scenari da lasciare senza fiato, incantevoli città, cammini impegnativi e pasti deliziosi. A far da cornice l’affascinante storia di quattro giovani prigionieri australiani che attraversarono le Alpi per raggiungere la libertà, durante la seconda guerra mondiale. Questo tour è stato studiato e voluto da Simon Tancred di Hidden Italy, che conduce viaggiatori da tutto il mondo a scoprire i lati nascosti e affascinanti della nostra Italia, ora è proposto dalle guide italiane che lo accompagnano tutti gli anni.

Trekking attraverso le Alpi del nord del Piemonte
divisorio

Il viaggio giorno per giorno

Programma di viaggio in Piemonte

1° giorno

Incontro previsto per le 09.00 con le Guide in centro a Biella, accoglienza e presentazione del viaggio.

Il cammino parte da Biella seguendo una antica via di commercio menzionata la prima vola nel 1207, che portava  a Lione. Il sentiero sale tra boschi e frazioni con una bellissima vista sulla pianura alle spalle e finisce ad Oropa. Si dormirà come i pellegrini nel monastero barocco di Oropa.

Cena e pernottamento presso il santuario d’Oropa, in camere doppie.

LUNGHEZZA: 16 km

DISLIVELLO: 900 m in salita

DURATA: 5 ore circa

2° giorno

Risveglio e colazione presso il santuario.

Si parte da un piccolo sentiero che costeggia la montagna con ampie vedute sulla Pianura Padana, poi il sentiero taglia di nuovo nel bosco e si dirige a nord verso un secondo monastero, dove si pranza. Dopo aver visitato un cimitero partigiano, si continua sul sentiero che porta nella valle Cervo dove c’è una cittadina piuttosto strana: Rosazza. Alla fine dell’800 ospitava un benefattore che costruì  una strada e un tunnel che collega i due monasteri. Il sentiero porta poi a nord, lungo il fiume, verso Piedicavallo alla testata della valle.

Cena e pernottamento presso il santuario San Giovanni, in camere doppie.

LUNGHEZZA: 18 km

DISLIVELLO: 557 m di salita, 708 m di discesa

DURATA: 6 ore circa

3° giorno

Risveglio e colazione presso il santuario.

Il percorso di oggi sarà una lunga salita, forse il tratto più lungo del tour. Passando da Piedicavallo per la pausa pranzo cammineremo fino a un accogliente rifugio. Il rifugio Rivetti si trova su uno sperone di roccia sotto le cime delle montagne. È una dura salita di 4 ore ma saremo ricompensati: viste meravigliose sulle Alpi e sulla pianura e un luogo conviviale per rilassarsi e dormire.

Cena e pernottamento in rifugio in camerata con bagno condiviso.

LUNGHEZZA: 6 km

DISLIVELLO: 1.200 m in salita

DURATA: 6 ore circa

4° giorno

Dopo la colazione in rifugio si parte presto per la prima traversata.

L’escursione  di oggi porta attraverso il cuore delle Alpi con il primo assaggio del Monte Rosa, attraverso numerosi e incantevoli laghi glaciali e paesaggi modellati dal passaggio dei ghiacciai. Si attraversano pascoli di alta montagna che sono ancora oggi utilizzati dalle greggi in estate. La seconda parte della passeggiata è una lunga discesa, attraverso una stretta valle glaciale che verso la fine si apre in un bosco di larici. In fondo alla valle si trovano le splendide case in legno “Walser” che caratterizzano la zona.

Cena in albergo e pernottamento.

LUNGHEZZA: 7 km

DISLIVELLO: 460 m di salita, 1261 m di discesa

DURATA: 7 ore circa

5° giorno

Risveglio e colazione in struttura.

Oggi una giornata più tranquilla, passeggiando attraverso la “capitale” della Valsesia, Alagna, scoprendone le case, le frazioni che la compongono e i piatti tipici. Nel pomeriggio salita al rifugio Pastore che ha una spettacolare vista sul Monte Rosa.

Cena e pernottamento in rifugio.

Possibilità di usare le navette locali, se attive, che accorceranno le distanze.

LUNGHEZZA: 6 km

DISLIVELLO: 400 m di salita

DURATA: 5 ore circa

6° giorno

Risveglio e colazione in rifugio.

Oggi sarà un’altra lunga e faticosa escursione, ma è uno dei punti salienti del tour. Lasciando la Valsesia con il Monte Rosa che incombe sopra il percorso, la salita è su una vecchia mulattiera militare (costruita negli anni 1920 seguendo un percorso che risale all’epoca romana). Il passo del Turlo con i suoi 2.900 m di quota, offre le prime vedute della Svizzera. Superato il passo, si scende in un’altra bellissima valle, la val Quarazza, con il Lago delle Fate in lontananza. Camminata poi fino alla frazione Staffa di Macugnaga, fino all’albergo Zumstein.

Cena in una birreria di Macugnaga.
Pernottamento in albergo.

LUNGHEZZA: 22 km

DISLIVELLO: 257 m di salita, 1500 m di discesa

DURATA: 8 ore circa

7° giorno

Risveglio e colazione in albergo.

Oggi sarà una piacevole giornata. Durante la mattina esplorazione di Macugnaga con le sue frazioni e costruzioni di origine Walser, prima di prendere la funivia. Salita al Monte Moro per la via che collega Magugnaga e l’Italia alla Svizzera. Una breve salita a piedi dalla stazione della funivia fino al confine svizzero, dove la cresta di granito è sormontata da una Madonna d’oro. Vedremo la valle di Saastal con il suo lago artificiale. Questo è uno dei passi  che usarono i soldati quando attraversarono  il confine. Pranzo al passo prima di riprendere la funivia per scendere.

LUNGHEZZA: 2 km

DISLIVELLO: 100 m di salita

DURATA: 4 ore circa

Note di viaggio

Il presente programma può essere soggetto a variazioni, sia prima che in corso di viaggio, in base al clima, le festività, alle esigenze dei viaggiatori e delle persone che ospitano il gruppo di viaggiatori.

Referente locale

Il viaggio è accompagnato da guide escursionistiche ambientali di Sentieri Natura e da Matteo Negro, guida escursionistica ambientale, esperto della parte biellese di questo viaggio per i primi 3 giorni. Le particolarità storiche e ambientali verranno illustrate dalle guide stesse esperte della storia, della cultura e della natura di questi luoghi.

Livello di difficoltà

La difficoltà di questo tour sono legate alle lunghe escursioni e i dislivelli elevati. È adatto a persone allenate a camminare a lungo e che sappiano affrontare dislivelli superiori a 900 m e siano in buono stato di salute. Il cammino verrà inoltre fatto anche in caso di pioggia (sempre in sicurezza) quindi bisognerà avere l’attrezzatura impermeabile adatta e la voglia di camminare anche in caso di brutto tempo.

Sono necessari: scarponi da trekking, borraccia almeno 1 L, kway o poncho per sicurezza, zaino per il trekking da 20/30 L, cappellino per il sole, crema protettiva, ricambi ed effetti personali.

Quando

Il presente programma è valido per le date indicate nel sito www.viaggiemiraggi.org
Per maggiori informazioni vedere il documento Come viaggiamo, consultabile sul sito internet o richiedibile direttamente in agenzia.

Quanto

Quote a persona per il viaggio di 7 giorni, per un gruppo di:

VoceQuota individuale
12 persone10 persone5 persone
Quota viaggio750,00790,00850,00

PER I DETTAGLI SULLA SCHEDA PREZZO TRASPARENTE CONTATTARE L’AGENZIA

Il costo totale espresso comprende:

  • Trasporto da Macugnaga a Domodossola
  • 6 pernottamenti con colazione
  • Tutti i pasti (bevande escluse)
  • Spese e compenso per 2 Guide escursionistiche per tutto il tour
  • Assicurazione infortuni
  • Assicurazione RCT di base (copertura propria della Guida AIGAE)
  • Compensi di intermediazione

Il costo totale espresso non comprende

  • Spese personali ed extra e quanto non espresso nelle voci sopraindicate
  • Bevande
  • Sacco letto usa e getta quando necessario
  • Assicurazione annullamento Filodiretto Assistance acquistabile in agenzia entro 32 giorni prima della data di partenza

Condizione di realizzazione

Il numero minimo di partecipanti richiesto per la realizzazione del viaggio è di 5 persone; il numero massimo è di 12 persone.

Il viaggiatore sarà informato 15 giorni prima della partenza del raggiungimento o meno del numero minimo di partecipanti.

Informazioni

Per maggiori informazioni :


Richiedi un preventivo Stampa programma

Prossime partenze

  • 27/07/20 02/08/20

Ti accompagnerà

Diletta

Laureata in scienze forestali e ambientali, ama i boschi e le montagne in ogni loro dettaglio ed è curiosa di natura. Le piace condividere le sue scoperte con gli altri, per questo è diventata guida ambientale escursionistica, nonché interprete ambientale. Riesce a raccontare le peculiarità paesaggistiche e ambientali in maniera approfondita ma piacevole e adatta a chiunque. Profonda conoscitrice dei luoghi che frequenta e ama, accompagna bambini, anziani e persone con disabilità sia sensitive sia cognitive. Progetta e conduce attività di educazione ambientale con le scuole di ogni genere e grado

Diletta
divisorio