Viaggio a piedi alle Canarie, Capodanno a Gran Canaria

Tra le isole dell’Arcipelago Canario, Gran Canaria si contraddistingue per essere un vero continente in miniatura. L’orografia, la disposizione delle valli e delle creste montuose rispetto agli alisei, venti che dominano il panorama meteorologico Canario e l’altezza delle montagne, fanno sì che in un breve lasso di tempo e di chilometri si possa passare dal nord verde e lussureggiante, al centro con alte vette ed al sud, arido e secco. La popolazione si concentra nella capitale Las Palmas, nel versante orientale dell’Isola ed al sud. Il centro si caratterizza per un’urbanizzazione disseminata, mentre l’ovest è selvaggio, dominato da una orografia difficile e da una Natura pervasiva. Si caratterizza per un’ampia percentuale di territorio protetta (vi sono 31 zone tra Parchi Naturali e Rurali, Riserve Naturali, Speciali, Itegrali, Monumenti Naturali e Luoghi di interesse), e da una lotta che l’uomo ha posto in essere dopo la Conquista per domare il territorio.

Viaggio a piedi alle Canarie, Capodanno a Gran Canaria
divisorio

Il viaggio giorno per giorno

Programma di viaggio alle Canarie

1° giorno – domenica 29 dicembre

Arrivo all’aeroporto di Gran Canaria, incontro con il referente locale e trasferimento a Las Palmas con bus pubblico. Tempo di percorrenza 30 minuti circa.

Giornata libera dopo la sistemazione nei rispettivi alloggi nel caratteristico quartiere de l’Isleta, nei pressi della spiaggia di sabbia fine dorata più bella della città: Las Canteras con passeggio pedonale di circa 5 km, dell’Auditorium Kraus e della spiaggia selvaggia e vulcanica de El Confital.

Cena di benvenuto e presentazione del programma settimanale.

Pernottamento a Las Palmas.

2° giorno – lunedì 30 dicembre

FONTANALES – LAS ARVEJAS

Inizio della parte itinerante del soggiorno a Gran Canaria alla scoperta della sua varietà climatica, geologica e naturalistica. Si parte dal Nord, verde e rigoglioso, sino ad arrivare al Centro-sud caratterizzato da un clima maggiormente arido e secco.

Trasferimento in minibus alla cittadina di Fontanales situata a 990 metri di altezza nel comune di Moya. La zona, storicamente ricca di sorgenti naturali, è estremamente rigogliosa e si inserisce nel piano bioclimatico del monteverde.

Si seguirà il Barranco (calanco) di Agua de Fontanales.

La zona è stata colpita durante il mese di agosto da un incendio di grandi proporzioni che ha interessato 12.000 ettari di bosco nella zona nord orientale di Gran Canaria. Percorrendo questi sentieri già dopo pochi mesi, potremo renderci conto delle grandi capacità di recupero della flora Canaria.

Il percorso è immerso nei boschi e a contatto con le attività di allevamento di ovini e produzione dei rinomati formaggi di Moya. Lungo la prima parte del sentiero sono numerosi i caseifici a conduzione famigliare, dove è prevista una sosta per vedere la produzione e degustare / acquistare il prodotto frutto del duro lavoro degli allevatori. Lasciata la zona di allevamento ci si immerge nella magia dei boschi di castagni che ammantano la salita verso uno dei vulcani più recenti della storia geologica di Gran Canaria, il Montañon Negro (non attivo). Il sentiero percorre il suo versante occidentale ricoperto di neri lapilli, e sale alla sua sommità per poi tuffarsi nel folto Bosque de Los Moriscos e offrire uno sguardo al margine del Barranco Grande (Caldera di Tejeda) per una vista mozzafiato sul centro dell’Isola.

A seguire la discesa verso Las Arbejas. Cena e pernottamento in una casa cueva.

 

PERCORSO:

10 km salita cumulata +875 m. / discesa cumulata -550 m. (dislivello totale 1.425 m.)

3° giorno – martedì 31 dicembre

LAS ARVEJAS – ARTENARA – CRUZ DE TEJEDA

Giornata di trasferimento a Cruz de Tejeda passando per Artenara, la cittadina più alta dell’Isola (1.230 m).

Lasciato a piedi l’abitato di Las Arvejas in breve si arriva ad Artenara dove è prevista una visita al Museo Etnografico Casas Cuevas che rappresenta in diverse cuevas gli aspetti caratteristici della vita condotta dalla popolazione locale sino a poco tempo fa. Uscendo da Artenara si trova poi la caratteristica Ermita de La Cuevita, piccola chiesa ricavata all’interno di una cueva scavata nel tufo. Il percorso continua poi lungo un sentiero che si snoda sulla cresta del Barranco Grande (Caldera di Tejeda), con una vista spettacolare su tutto il centro dell’Isola sino a Cueva Caballero insieme di grotte localizzate lungo la parete del Risco Chapín, parete interna della caldera, ed orientate verso la montagna sacra del Roque Bentayga. A seguire il percorso continua la salita verso la Montagna de Los Moriscos ed offre ad ogni passo un punto di vista sempre più spettacolare sulle cittadine che si adagiano nel centro della caldera e sul nostro destino, la Cruz de Tejeda, da tempo immemore crocevia delle comunicazioni sede dell’hotel rural, dove godremo della cena di capodanno e trascorreremo la notte.

Tempo libero per un meritato riposo e cena in albergo.

Pernottamento a Cruz de Tejeda.

 

PERCORSO:

11,3 km salita cumulata +680 m. / discesa cumulata -470 m. (dislivello totale 1.150 m.)

4° giorno – mercoledì 1 gennaio

CIRCOLARE LUNGO I SENTIERI DEL MASSICCIO DI TAMADABA

Trasferimento in minibus alla Degollada (passo) de La Laja dove inizia il nostro sentiero.

Il Massiccio di Tamadaba, che include l’omonimo Parco Naturale, rappresenta il bastione nord-occidentale di Gran Canaria. Pur avendo sofferto le ingiurie dell’incendio di agosto, ospita ancora una foresta di pini canari di grande attrattiva, con inserzioni di Laurisilva che si sta diffondendo grazie all’alacre attività della fauna avicola endemica (parte della quale in pericolo di estinzione), ed alla protezione esercitata dall’amministrazione locale. Il percorso scelto conduce al Pico de La Bandera, punto più alto del Massiccio, dal quale godere di ampie vedute sul Barranco Grande (Caldera di Tejeda) e sull’altopiano dove si trovano gli invasi d’acqua più importanti della zona, fino ad un punto panoramico sul Risco Faneque, tra le scogliere più alte del mondo dopo quelle nelle isole Hawaii. Ritorno al punto di partenza attraverso una zona ricreativa nel folto del bosco e rientro a Cruz de Tejeda con minibus.

Pernottamento e cena a Cruz de Tejeda.

 

PERCORSO:

13 km salita cumulata +730 m. / discesa cumulata -730 m. (dislivello totale 1.460 m.)

5° giorno – giovedì 2 gennaio

CRUZ DE TEJEDA – TUNTE

Trasferimento verso la cittadina di San Bartolomé de Tirajana, conosciuta anche come Tunte. La maggior parte del tragitto si svolge lungo Caminos Reales realizzati per agevolare gli spostamenti successivamente alla Conquista. Gli scenari sono mozzafiato, offerti da un bellissimo percorso panoramico su tutta Gran Canaria tra i boschi di pini canari ad una quota di 1.500/1.600 metri. Il sentiero termina a Cruz Grande, importante crocevia di sentieri, trasferimento a Tunte in autobus pubblico.

Il pernottamento é in una pensione nel centro della cittadina di San Batolomé de Tirajana, la cena in un locale caratteristico.

Pernottamento a San Batolomé de Tirajana.

 

PERCORSO:

12,7 km salita cumulata +385 m. / discesa cumulata -695 m. (dislivello totale 1.080 m.)

6° giorno – venerdì 3 gennaio

SENTIERO CIRCOLARE ALLA SCOPERTA DAL PARCO NATURALE DI PILANCONES

Si godrà di un percorso circolare che, partendo da Tunte e seguendo un Camino Real raggiunge la Cruz Grande. Di qui seguendo una pista forestale raggiunge il margine dell’impressionante Parco Naturale di Pilancones da dove si gode di una vista impressionante del sud-ovest di Gran Canaria. Il rientro a Tunte segue un Camino Real, conosciuto come “de los muertos”, che si snoda lungo un percorso a contatto con la realtà agricola della zona.

A seguire trasferimento alla conosciuta spiaggia di Maspalomas dove potremo godere di un bagno rigenerante tra le onde dell’oceano, e successivo rientro a Las Palmas in minibus.

Pernottamento e cena a Las Palmas.

 

PERCORSO:

14,7 km salita cumulata +550 m. / discesa cumulata -550 m. (dislivello totale 1.100 m.)

7° giorno – sabato 4 gennaio

BARRIO DE L’ISLETA: IL CONFITAL

Visita alla scoperta del quartiere popolare de l’Isleta aperta con piccoli negozi, botteghe, bar, etc. Lungo l’itinerario visita a La Soppa Azul, primo coworking dell’isola con laboratori artigiani, incontri con artisti, ed al Grupo cultural Isleta Unita che propone attività e corsi gratuiti agli abitanti del quartiere e doposcuola per i ragazzi.

A seguire una facile camminata nella zona del Confital, prolungamento “selvaggio” della spiaggia de Las Canteras. Si tratta di un tratto di costa particolare per la conformazione rocciosa di origine vulcanica e le cuevas aborigene: atmosfera unica, grande carica energetica e vitale. Si salirà alla frazione de La Colorada che domina la costa Ovest e Nord della capitale. Sosta alle grotte aborigene.

Pranzo in un locale selezionato ed ubicato nel lungomare de l’Isleta.

Nel pomeriggio trasferimento con bus pubblico al centro storico di Las Palmas, Vegueta, con le tipiche case in stile canario (caratterizzate da balconi in legno), per una visita ad alcune delle strutture di maggiore rilevanza come: la Cattedrale di Santa Ana, la casa di Colón, il Museo Canario, il Museo di Arte Contemporanea.

A seguire visita al caratteristico quartiere di San Juán sino al culmine dell’omonimo colle dove si possono vedere i resti delle batterie di difesa costiera realizzate durante la Seconda Guerra Mondiale. É un breve percorso di 5,0 km (tra andata e ritorno) che conduce ad un punto panoramico suggestivo.

Cena di saluto e rientro in albergo in bus pubblico. Per le persone con ancora energia da spendere, possibilità di fare il paseo de Las Canteras e fermarsi in locali vari.

Pernottamento a Las Palmas.

8° giorno – domenica 5 gennaio

Rientro in Italia. Trasferimento in aeroporto con mezzo pubblico. Tempo di percorrenza 30 minuti circa.

Note di viaggio

Il programma può essere soggetto a variazioni, sia prima che in corso di viaggio, in base al clima, le festività, alle esigenze dei viaggiatori e delle persone che ospitano il gruppo di viaggiatori.

Nessuna vaccinazione obbligatoria. Obbligatoria la carta di identità valida per l’espatrio con scadenza residua di almeno 3 mesi.

Per maggiori informazioni sulle vaccinazioni consultare la propria Asl; per i documenti necessari, clima, abbigliamento ecc.

Sono necessari: scarponcini da trekking, borraccia almeno 1 L, kway o poncho per sicurezza, zaino per il trekking da 20/30 L, cappellino per il sole, crema protettiva, ricambi ed effetti personali.

Referente locale

Il trekking è accompagnato da una Guida Escursionistica locale abilitata.

Livello di difficoltà

I pernottamenti sono previsti in guest-house e case rurali; i trasferimenti in pulmino e fuoristrada. Il cammino è adatto a persone in buono stato di salute e un minimo abituate a camminare almeno 3-4 ore al giorno.

Quando

Il presente programma è valido per le date indicate nel sito www.viaggiemiraggi.org

È possibile concordare altre date rispetto a quelle proposte: per maggiori informazioni vedere il documento Come viaggiamo, consultabile sul sito internet o richiedibile direttamente in agenzia.

Quanto

Quote a persona per il viaggio di 8 giorni, per un gruppo di:

VoceQuota individuale
7 persone5 persone
Quota viaggio920,001050,00

PER I DETTAGLI SULLA SCHEDA PREZZO TRASPARENTE CONTATTARE L’AGENZIA

Il costo totale espresso comprende:

  • tutti i pernottamenti con colazione
  • tutte le cene, bevande alcoliche escluse
  • spese e compenso per la guida locale per 8 giorni di affiancamento
  • tutti i trasferimenti interni
  • compensi di intermediazione
  • materiale informativo, incontro pre-viaggio e verifica post-viaggio
  • assicurazione medico-bagaglio Filo diretto Assistance (solo per viaggiatori con partenza da territorio italiano)

Il costo totale espresso non comprende:

  • il volo aereo* di A/R, prenotabile presso l’agenzia ViaggieMiraggi (da 550 euro in alta stagione)
  • assicurazione annullamento Filodiretto Assistance acquistabile in agenzia entro 32 giorni prima della partenza o al momento della conferma del viaggio
  • supplemento camera singola, ove possibile (90€ totali)
  • pranzi al sacco durante il trekking (stimati in 5€ a pasto)
  • spese personali, extra in genere e quanto non espresso nelle voci sopra indicate

Le quote sono soggette a riconferma al momento della prenotazione

Condizioni di realizzazione

Il numero minimo di partecipanti richiesto per la realizzazione del viaggio è di 5 persone. Il viaggiatore sarà informato almeno un mese prima della partenza del raggiungimento o meno del numero minimo di partecipanti.


Richiedi un preventivo Stampa programma

Prossime partenze

  • 29/12/19 05/01/20

In via di conferma

divisorio