Viaggio in Calabria, il Cammino di San Francesco di Paola

Un viaggio a piedi lungo 110 km sui Monti della Catena Costiera, la dorsale che si distende parallelamente alla costa del Tirreno Calabrese, in Provincia di Cosenza.

Si parte dal borgo di San Marco Argentano e si arriva al Santuario di Paterno Calabro, passando per Paola e il Santuario di San Francesco. La varietà dei paesaggi, con ambienti mutevoli e pregevoli biodiversità, caratterizza questo Cammino. Si passa da zone a macchia mediterranea con affacci mozzafiato sul mare, a querceti e castagneti, fino alle faggete delle quote più alte. Quasi tutte le tappe, si concludono in uno dei pittoreschi borghi dell’entroterra calabrese.

Viaggio in Calabria, il Cammino di San Francesco di Paola
divisorio

Il viaggio giorno per giorno

Programma di viaggio

1° giorno

Ritrovo pomeridiano a Paola con le guide (*).

Sistemazione in B&B nel centro storico di Paola. Presentazione del programma e introduzione al cammino, con la consegna della credenziale a ciascun partecipante.

A seguire vi è la visita guidata tra le vie del centro storico di Paola, i cui quartieri mantengono ancora le caratteristiche del borgo medievale, tipico dell’epoca in cui visse san Francesco.

La zona antica, delimitata dall’imponente Porta di Città nota come Arco di San Francesco, custodisce la Casa Natale di san Francesco e monumenti di pregio come la Torre dell’Orologio, le Sette Fontane e le belle Chiese di Montevergine e del Rosario.

Cena tipica calabrese presso locale del centro storico. Rientro alla struttura e pernottamento.

(*) possibilità di ritrovo presso stazione ferroviaria di Paola e aeroporto di Lamezia Terme e trasferimento in minivan privato convenzionato per il centro di Paola.

2° giorno

Prima colazione in B&B e trasferimento con minivan privato (40 min) per San Marco Argentano.

Visita del borgo di origine normanna, che fu sede prescelta da Roberto il Guiscardo, e della Chiesa della Riforma, complesso monastico che ospitò il giovanissimo Francesco di Paola. Da qui ha inizio il Cammino!

Il primo tratto di percorso regala panorami sulla valle del Crati, sul Pollino e sui centri italo-albanesi di Cervicati e Mongrassano, borghi arbëreshë (italo-albanesi).

Visita del borgo fantasma di Cavallerizzo, abbandonato per una frana nel 2005, e pranzo in trattoria nel caseggiato di San Giacomo. Visita del Museo etnografico arbëreshë di San Giacomo di Cerzeto e arrivo nel borgo di Cerzeto, centro abitato di etnia, lingua e cultura italo-albanese.

Cena tipica arbëreshë in osteria del circuito Slow Food. Sistemazione e pernotto nelle case delle famiglie del borgo.

CARATTERISTICHE PERCORSO
LUNGHEZZA:
11 km 
DISLIVELLO: 300 m in salita, 300 m in discesa
ALTITUDINE: minima 426 m, massima 595 m
DURATA: 5 ore circa
DIFFICOLTÀ: T/E
FONDO STRADALE: sterrati e asfalto

3° giorno

Prima colazione a Cerzeto e inizio della Seconda Tappa, direzione Bosco Cinquemiglia.

Risalendo la montagna in un bosco di cerri e castagni si sosterà presso il castagno monumentale chiamato Patriarca di Kroj Shtikàn, di circa mille anni. Più avanti, in un’estesa foresta di faggi, si trova l’imponente faggio di San Francesco, al centro di una “cattedrale a cielo aperto”. Secondo la tradizione, questo albero, che ha più di 600 anni e sei metri di circonferenza, costituiva la sosta del giovane Francesco.

Pranzo a sacco.

Superata il valico delle Cinque Vie si entra nel Bosco di Cinquemiglia, una delle faggete più vaste della Calabria, dove la tappa si conclude.

Breve trasferimento in minivan privato (15 min) fino a struttura ricettiva montana. Sistemazione, cena e pernotto.

CARATTERISTICHE PERCORSO
LUNGHEZZA
: 17,5 km
DISLIVELLO
: 1.000 m in salita, 400 m in discesa
ALTITUDINE
: minima 439 m, massima 1.260 m
DURATA
: 8 ore circa (incluse le pause)
DIFFICOLTÀ
: media
FONDO STRADALE
: sterrato, sentieri boschivi

4° giorno

Prima colazione e breve trasferimento in minivan privato (10 min).

La Terza Tappa parte dal Laghicello, un piccolo specchio d’acqua naturale (a quota 1135 m slm) nel quale vi è la presenza di piccoli anfibi. Si tratta di tre specie diverse di tritoni: l’italiano, il crestato e il raro tritone alpestre inaspettato, endemico di questi luoghi. Si oltrepassa la Catena Costiera nei pressi di Cozzo Cervello (punto più alto del Cammino, con 1389 m) e si scende sul suo versante occidentale, immersi in un bosco di faggi, fino ad incontrare una statua in bronzo del Santo a grandezza naturale particolarmente cara alla devozione popolare (1158 m).

Pranzo a sacco.

Più avanti magnifici scenari sul Mar Tirreno conducono fino al Santuario di Paola, visita dell’area conventuale e dell’antica basilica.

Il Santuario di San Francesco è un luogo che porta intatta l’impronta della spiritualità del Santo dei calabresi.. Fu lo stesso Frate, nel 1436 circa, a iniziare e portare avanti la costruzione della chiesa e del convento, potendo confidare nell’operosa e riconoscente generosità di molte persone.

L’antica basilica custodisce parte delle spoglie ed altre reliquie del Santo.

Sistemazione in Ostello. Cena e pernotto.

CARATTERISTICHE PERCORSO
LUNGHEZZA
: 19,8 km
DISLIVELLO
: 500 m in salita, 1.300 m in discesa
ALTITUDINE
: minima 170 m, massima 1.389 m
DURATA
: 8 ore circa (incluse le pause)
DIFFICOLTÀ
: media
FONDO STRADALE
: sterrato, sentieri boschivi

5° giorno

Prima colazione e breve trasferimento in minivan privato (15 min).

La Quarta Tappa parte nei pressi del Passo Crocetta, con vista sulla costa tirrenica, e prosegue sino alle estese faggete di Bosco Luta.

Pranzo a sacco.

Si oltrepassano i monti della Catena Costiera e si inizia a scendere sul suo versante orientale. La lunga discesa nel bosco concede di tanto in tanto anche panorami sulla valle del Crati e sulla Sila.

Si arriva nel borgo di San Fili, dove una statua di San Francesco accoglie i viandanti a braccia aperte.

Cena tipica calabrese. Sistemazione e pernotto in b&b.

CARATTERISTICHE PERCORSO
LUNGHEZZA
: 15 km
DISLIVELLO
: 500 m in salita, 700 m in discesa
ALTITUDINE
: minima 566 m, massima 1.193 m
DURATA
: 7 ore circa (incluse le pause)
DIFFICOLTÀ
: media
FONDO STRADALE
: sterrato e brevi tratti in asfalto

6° giorno

Prima colazione a San Fili e partenza della Quinta Tappa.

Dal borgo di San Fili, superato l’antico ponte medievale delle Jumiceddre, si sale tra boschi di castagno. Si arriva nella zona del piccolo altopiano di Acquabianca con estese praterie segnate da curiose rocce calcaree.

Pranzo a sacco.

Si prosegue in un bel bosco di faggi e poi in discesa per il paese di Cerisano, terminando la tappa qualche chilometro più avanti nel pittoresco borgo di Mendicino.

Mendicino è caratterizzato da vicoli a gradoni, piazzuole, antichi palazzi e le sue memorie, prima fra tutte la sericoltura che ne fa il borgo della seta. Il patrimonio di pratiche e conoscenze di questa attività rivive nel Museo Dinamico della Seta.

Visita del Museo e laboratorio sulle fasi di lavorazione della seta.

Cena tipica calabrese. Sistemazione e pernotto in b&b.

CARATTERISTICHE PERCORSO
LUNGHEZZA
: 23,5 km
DISLIVELLO
: 900 m in salita, 850 m in discesa
ALTITUDINE
: minima 470 m, massima 1.177 m
DURATA
: 9 ore circa (incluse le pause)
DIFFICOLTÀ
: difficile
FONDO STRADALE
: sterrato e asfalto

7° giorno

Prima colazione a Mendicino e partenza della Sesta ed ultima Tappa.

La tappa alterna i caratteristici borghi delle Serre Cosentine a piacevoli tratti nella natura. Superato il caratteristico costone roccioso di Timpa Limena, si sale sino al borgo di Carolei. Si attraversa il fiume Busento e si continua in salita, in zone di pascolo con antichi casolari.

Pranzo in agriturismo, nelle campagne di Dipignano.

Gli ultimi chilometri, in lieve discesa, conducono al Santuario di Paterno Calabro, il secondo convento costruito da Francesco e termine del Cammino.

In esso l’Eremita paolano passò lungo tempo. Ancora oggi, nonostante le mutate condizioni storiche ed ambientali, il Convento conserva il fascino di un tempo, mantenendo tutti i tratti dell’eremitismo dell’origine dell’Ordine dei Minimi.

 Rito della consegna del Testimonium ai partecipanti, documento che certifica l’avvenuto pellegrinaggio, timbrato dall’Ordine dei Minimi di San Francesco.

Cena tipica calabrese. Sistemazione e pernotto in b&b.

CARATTERISTICHE PERCORSO
LUNGHEZZA
: 18 km
DISLIVELLO
: 700 m in salita, 600 m in discesa
ALTITUDINE
: minima 460 m, massima 785 m
DURATA
: 8 ore circa (incluse le pause)
DIFFICOLTÀ
: media
FONDO STRADALE
: sterrato e asfalto

8° giorno

Dopo la colazione, in relazione agli orari di ritorno, saluti con il referente locale e partenze in minivan privato convenzionato, per la stazione ferroviaria di Paola o per l’aeroporto di Lamezia Terme.

Note di viaggio 

Il presente programma può essere soggetto a variazioni, sia prima che in corso di viaggio, in base al clima, le festività, alle esigenze dei viaggiatori e delle persone che ospitano il gruppo di viaggiatori.

I programmi, i trasporti e le sistemazioni nelle strutture ricettive potranno essere modificati in base alle norme nazionali e regionali per la prevenzione da contagio Covid-19.

Sono necessari: scarpe da trekking leggero o scarpe da trail running (“collaudate” e in buono stato) adatte a percorsi misti di sterrato e asfalto. Abbigliamento “a strati”, pantaloni comodi da escursione (lunghi e corti), t-shirt (meglio quelle tecniche), felpa/pile, giacca antipioggia kway o poncho. Bastoncini da trekking indispensabili, borracce/bottiglie per un totale di almeno 1,5 litri da riempire lungo il percorso, cappellino per il sole, crema protettiva, zaino ergonomico da trekking giornaliero (20/30 litri).

Zaino da trekking o piccolo trolley da spedire di tappa in tappa (peso non superiore ai 15kg a pieno), con ricambi, ciabatte, cambio intimo, kit igiene personale ed altri effetti personali.

In tutte le strutture verranno fornite lenzuola ed asciugamani.

Si prega di comunicare per tempo eventuali intolleranze alimentari, allergie ed esigenze particolari, specialmente legate all’alimentazione (L’agenzia non si assume la responsabilità qualora si verifichino problematiche relative ad allergie o intolleranze alimentari non dichiarate)

Referente locale 

Il viaggio è interamente accompagnato da una guida locale abilitata referente di ViaggieMiraggi, per introdurre i visitatori nel “vissuto” del territorio e favorire l’incontro con gli operatori locali e con le specificità dei luoghi.

Livello di difficoltà 

È richiesta buona preparazione fisica per affrontare lunghe camminate ed essere abituati all’ambiente montano. Il trekking è da considerarsi mediamente impegnativo, per una lunghezza totale di 110 km circa. Il cammino è accessibile a tutti coloro che hanno esperienza di cammino e buon allenamento.

Quando

Il presente programma è valido per le date indicate nel sito www.viaggiemiraggi.org
È possibile concordare altre date rispetto a quelle proposte: per maggiori informazioni vedere il documento Come viaggiamo, consultabile sul sito internet o richiedibile direttamente in agenzia. 

Quanto

Quote a persona per il viaggio di 8 giorni per un gruppo di:

VoceQuota individuale
 9 persone 6 persone
Quota viaggio720,00 €795,00 €

PER I DETTAGLI SULLA SCHEDA PREZZO TRASPARENTE CONTATTARE L’AGENZIA

Il costo totale espresso comprende:

  • Compensi di intermediazione
  • 7 pernottamenti in camera doppia, tripla o camerate, con colazione inclusa. Bagni privati e condivisi.
  • Tutte le cene, bevande incluse
  • 2 pranzi in ristorante e 4 pranzi al sacco
  • Tutti i trasferimenti interni con minivan privato
  • Trasporto bagagli
  • Credenziale, Testimonium e T-shirt
  • Tutte le visite guidate
  • Copertura spese e compenso della Guida Ambientale Escursionistica (AIGAE) per 8 giorni di affiancamento
  • Assicurazione RCT di base (copertura propria della Guida AIGAE)
  • Contributo associazione locale
  • Copertura spese e compenso dei referenti locali per le giornate di affiancamento
  • Assicurazione medico bagaglio Filodirettoassistance (copre anche costi di cancellazione pernottamenti e spese da sostenere in caso di ricovero per Covid19 – leggi qui le condizioni)

Il costo totale espresso non comprende:

  • Viaggio per Paola e da Paterno Calabro
  • Trasferimento in minivan dall’Aeroporto di Lamezia a Paola (80 € da dividere per il numero di passeggeri), da Paterno Calabro alla Stazione di Paola (80 € da dividere), da Paterno C. all’Aeroporto di Lamezia Terme (90 € da dividere)
  • Supplemento camera singola ove possibile (30 € totale)
  • Assicurazione annullamento Filo diretto Assistance acquistabile in agenzia entro 32 giorni prima della partenza o in concomitanza con l’iscrizione al viaggio
  • Spese personali, extra in genere e quanto non espresso nelle voci sopra indicate.

Le quote sono soggette a riconferma al momento della prenotazione

Condizione di realizzazione

Il numero minimo di partecipanti richiesto per la realizzazione del viaggio è di 6 persone, il numero massimo è di 12 persone.

Il viaggiatore sarà informato 15 giorni prima della partenza del raggiungimento o meno del numero minimo di partecipanti.

Informazioni

Per maggiori informazioni:

 

 


Richiedi un preventivo Stampa programma

Ti accompagnerà

Alessandro

Nato e cresciuto a Paola, paese della costa tirrenica famoso per aver dato i natali a san Francesco, patrono della Calabria. L’attrazione verso una natura tanto selvaggia quanto bella e variegata lo spinge prima verso la passione per la mountain bike, grazie alla quale esplora e conosce a fondo il territorio calabrese, e poi a contagiare questa sua passione anche ad altri. Da Guida Ambientale Escursionista, accompagna a piedi piccoli gruppi in affascinanti percorsi naturalistici. I suoi interessi culturali e ambientalistici si fondono e, insieme ad altri, è tra gli ideatori del Cammino di san Francesco di Paola, un viaggio a piedi nei luoghi che sono stati teatro della storia dell’Eremita calabrese, tra borghi antichi e natura incontaminata, sospesi tra mare e montagna.

Il Cammino di San Francesco

“Il Cammino di San Francesco di Paola”, associazione nata per la progettazione e la tutela e dell’itinerario escursionistico, culturale e religioso omonimo, cura anche la valorizzazione e la promozione del percorso, nonché l’organizzazione della rete dell’ospitalità, la distribuzione delle credenziali e la manutenzione della segnaletica. I suoi referenti conoscono il territorio, la storia e i luoghi di san Francesco e sapranno accompagnare i viaggiatori in un itinerario coinvolgente e di alto valore storico, culturale, religioso e naturalistico.

divisorio