Viaggio in Iran, tour tra zafferano, pistacchio, zereshk e il deserto

Un viaggio in un Iran inusuale, per ammirare le bellezze della mitica Persia Antica, una terra che per millenni è stata l’anello di congiunzione tra Oriente e Occidente. Un viaggio fatto sopratutto di incontri con gruppi locali, associazioni che lavorano in diversi ambiti culturali e agroalimentari, un viaggio alla conoscenza di piccoli villaggi, lontani dagli itinerari classici più battuti.

Durante il tour si visiteranno, tra le altre, l’immensa e caotica capitale Teheran, la città santa di Mashhad, Kerman, Bam e la sua cittadella e ci si affaccerà alle porte del deserto a Shahdad.

Non mancheranno infine degli incontri con i produttori di zafferano e di pistacchio, in piccoli villaggi locali, e l’esperienza del raccolto dello zafferano e della sua cerimonia. L’Iran infatti produce il 96% di zafferano nel mondo ed è il secondo produttore di pistacchio con un 37% di produzione mondiale. È il primo viaggio che affronteremo in Iran con questo nuovo itinerario e ricchezza di incontri.

Viaggio in Iran, tour tra zafferano, pistacchio, zereshk e il deserto
divisorio

Il viaggio giorno per giorno

Programma di viaggio in Iran

1° giorno – venerdì 11 ottobre

Ritrovo in aeroporto con il resto del gruppo e con l’accompagnatore dell’agenzia, disbrigo delle formalità d’imbarco e partenza in direzione di Teheran.

Arrivo all’aeroporto internazionale “Imam Khomeini”, incontro con il referente dell’agenzia locale e trasferimento in hotel e pernottamento. A seconda dell’orario di arrivo inizio della visita della città o tempo libero.

Sistemazione in hotel, camera doppia con bagno privato.

2° giorno – sabato 12 ottobre

Dopo la prima colazione incontro con la guida locale e giornata dedicata alla visita di Teheran.

Situata a 1100 metri di altitudine, alle pendici dei monti Alborz, è la sede del governo nonché il centro delle attività commerciali e imprenditoriali del paese.

Visita del Museo Nazionale dell’Iran, che ripercorre la storia dell’arte e della cultura iranica attraverso reperti archeologici dal VI° millennio a.C. fino al periodo islamico. Nel pomeriggio visita al Palazzo Golestan, residenza storica della dinastia reale Qajar che governò il paese dal 1794 al 1925. Si tratta del più antico monumento della città, che ha visto la sua espansione e gloria proprio durante il periodo Qajar, ed era parte di un complesso di edifici un tempo racchiusi dalle mura della storica cittadella.

Nel tardo pomeriggio, incontro con un’esponente di una associazione locale, fondatrice, negli ultimi 18 anni, di molte biblioteche in tutto l’Iran. L’organizzazione, creata nel 1962, svolge le proprie attività culturali e di ricerca nel campo della letteratura per l’infanzia, su base no-profit, basandosi esclusivamente su contributi volontari di tempo e lavoro.

A seconda della disponibilità cena presso una casa – residenza di una piccola associazione che opera in ambito artistico.

Pernottamento in hotel. La sistemazione prevede camere doppie con bagno privato.

3° giorno – domenica 13 ottobre

Dopo la prima colazione trasferimento all’aeroporto nazionale Meherabad di Teheran e partenza per Kerman.

Kerman è la capitale della provincia di Kerman, in Iran. Si trova al centro di una vasta pianura, 1.076 km a sud di Teheran, ai margini del Dasht-e Lut (un grande deserto salato). La regione di Kerman è la capitate del pistacchio in Iran. La stagione della raccolta del pistacchio in Kerman inizia da agosto verso la fine di ottobre. 

A seconda dell’orario di arrivo visita di Ganjali Khan Complex, un complesso edilizio di epoca safavide, situato nel centro storico della città di Kerman. Il complesso è composto da una scuola, una piazza, un caravanserraglio, un bagno, un Ab Anbar (riserva d’acqua), una zecca, una moschea e un bazar.

Alloggio in hotel, camera doppia con bagno privato.

4° giorno – lunedì 14 ottobre

Dopo la colazione, partenza in direzione di Mahan. Si visiterà il Mausoleo del grande Sufi del XIV, Sha-Nemat-Olah-Vali, progettato nel XVI sotto l’ordine del Re dei Safavidi, Shah Abbas I il Grande. In seguito si visiterà il Giardino del principe della dinastia di Qajara IXX sec.

Si proseguirà per la cittadella Rayen, uno dei grandi complessi di architettura della terra cruda del periodo pre-islamico.

Arrivo a Shahdad e incontro con un gruppo di donne che sta portando avanti un progetto di cooperazione artigianale, nato dall’esigenza di ridurre l’eccessivo consumo idrico della zona dovuto all’attività agricola, che aveva seccato gli acquedotti dell’area.

Pernottamento in camera doppia con bagno.

5° giorno – martedì 15 ottobre

Dopo la prima colazione giornata dedicata al deserto con la visita, in jeep 4×4, ai Kalut con le formazioni rocciose che si ergono fuori della sabbia e sono simili a castelli; si vedranno le località di Ney Bit e Golbaf.

Pernottamento nel deserto, in una casa locale (le camere hanno i materassi per terra, non ci sono i letti, bagni esterni in condivisione).

6° giorno – mercoledì 16 ottobre

Dopo la prima colazione ritorno a Kerman e visita della città: Moschea del Venerdì, il Bazar-e-Vakil, che ingloba una caratteristica Sala del Tè sotterranea e il delizioso Hammam-e-Ganj Ali Khan completamente decorato e visita dei giardini di pistacchio.

Pernottamento in camera doppia con bagno privato.

7° giorno – giovedì 17 ottobre

Dopo la prima colazione partenza per Arg-e Bam, situata a circa 200 chilometri da Kerman (due ore di tragitto).

Bam prima del terremoto del 2003 era la più grande città in mattoni al mondo. È menzionata dall’UNESCO come opera facente parte del Patrimonio dell’Umanità: “Bam e il suo panorama culturale”. La sua enorme cittadella sulla Via della Seta fu costruita prima del 500 a.C. e rimase in uso fino al 1850.

Rientro a Kerman per il pernottamento in camera doppia con bagno privato.

8° giorno – venerdì 18 ottobre

La mattina dopo colazione, trasferimento da Kerman a Nayband, circa quattro ore di tragitto.

Pranzo presso l’ecolodge di Nayband.

Nayband è un villaggio del deserto, famoso, alla pari di Masuleh (situato nel nord), per la forma delle sue scale. Il rifugio faunistico di Nayband è la più grande area protetta dell’Iran dove vive il leopardo asiatico, una specie quasi estinta che attualmente esiste solo in Iran.

Pernottamento previsto in una casa ecolodge* la cui costruzione risale a circa 200 anni fa.

*In questo eco Lodge non c’è l’acqua di rubinetto ed il bagno è ecologico in condivisione. Si dorme sui materassi appoggiati per terra, in camerate in condivisione Si utilizza l’acqua di una sorgente dalla quale ognuno dovrà prendere l’acqua per le proprie necessità. In alternativa è possibile alloggiare in un ecolodge più recente, dotato di acqua corrente.

9° giorno – sabato 19 ottobre

Dopo colazione trasferimento presto al mattino con mezzo privato da Nayband in direzione di Tabas (circa 170 chilometri, due ore e mezza di strada).

Dopo pranzo a Tabas partenza in direzione del canyon Kal Jeny. Jen significa fantasma perché gente locale crede che in questo canyon vivano dei fantasmi. Visita anche dell’adiacente paesino vicino, Azmighan. Azmighan è un’oasi meravigliosa come un gioiello verde in mezzo al deserto. Ad Azmighan i locali coltivano riso, mandorle, melograni, datteri, olive, arance ecc.

Proseguimento verso Tabas. Sistemazione in hotel, camera doppia con bagno privato.

10° giorno – domenica 20 ottobre

Dopo la prima colazione visita di Giardino Golshan a Tabas e partenza in direzione di Esfahk. 

Esfahk è un villaggio storico situato a 35 km a sud di Tabas, nel sud Khorasan in Iran. Il villaggio fu danneggiato da un terribile terremoto avvenuto il 15 settembre 1978 che provocò la morte di oltre 80 abitanti in seguito alla caduta di archi e pareti in mattoni. A seguito di questa tragedia il villaggio fu gradualmente abbandonato. Col passare del tempo e con la costruzione del nuovo villaggio, gli abitanti si trasferirono in nuove case costruite in uno stile molto diverso dai modelli abitativi locali.

Dal 2012, grazie sia all’amministrazione del villaggio che ad alcuni giovani abitanti, sono in corso dei lavori di restauro del borgo antico; il vecchio edificio della scuola che ha subito solo un piccolo danno durante il terremoto, è stato rinnovato e ora accoglie gli appassionati di architettura incuriositi dalla singolare tecnica di costruzione in fango e terra.

Si dormirà in un ecolodge sui materassi appoggiati per terra, in camere doppie con bagno.

11° giorno – lunedì 21 ottobre

Dopo la prima colazione trasferimento presto al mattino con mezzo privato in direzione di Birjand ( 240 km, durata del viaggio circa tre ore). Visita dei siti archeologici e del castello di Birjand. Birjand, è il capoluogo della provincia del Khorasan meridionale, nella parte est dell’Iran. È conosciuta per l’esportazione dello zafferano, per la produzione di bacche di berberis e per la manifattura dei tappeti. 

Pernottamento in hotel. Sistemazione in camere doppie con bagno.

12° giorno – martedì 22 ottobre

Dopo la prima colazione partenza in direzione di Khorashad, nella provincia del Sud Khorasan; sosta al villaggio di Tobafi (25 km, venti minuti). A Khorshad si conoscerà l’artigianato tessile Tobafi; un’arte tessile iraniana molto antica, un’arte che è stata fatta rivivere recentemente.

e i giardini di zereshk (il crespino, una bacca rossa commestibile, il 98% della produzione di crespino avviene in Iran).

Nel pomeriggio trasferimento verso Qa’en. Alloggio presso un ecolodge o una casa privata, bagno in condivisione, camere in condivisione, si usa dormire con il materasso per terra. Se possibile in serata si incontrerà una ONG locale che si occupa di potenziare le realtà lavorative dei piccoli centri, trovando fondi e finanziatori per i loro progetti, recuperando mestieri e arti antiche; si occupa anche di realizzare biblioteche itineranti per i piccoli centri

La sera, dopo la cena, partecipazione alla cerimonia della sfioritura dello zafferano con i contadini a Qa’en.

13° giorno – mercoledì 23 ottobre

Prima dell’alba partenza verso i paesini di Baraz e Koroh (33 km, durata del tragitto di circa trenta minuti) dove si potrà assistere alla raccolta dello zafferano. La colazione sarà fatta presso le case di contadini locali. Rientrando verso Qa’en tappa per una breve visita al villaggio di Andarik. Pranzo a Qa’en.

Dopo pranzo visita della località di Qa’en.

La sera, dopo la cena, partecipazione alla cerimonia della sfioritura dello zafferano con i contadini a Qa’en.

Alloggio presso un ecolodge o una casa privata, bagno in condivisione, camere in condivisione, si usa dormire con il materasso per terra.

14° giorno – giovedì 24 ottobre

Al mattino presto dopo la prima colazione trasferimento a Mashhad, circa 400 km, durata del viaggio cinque ore.

Visita dei luoghi di maggiore interesse: il Mausoleo dell’Iman Reza e gli edifici circostanti all’interno di un recinto sacro (Museo e Bibloteca, sala di Jomhoori e Moschea di Gohar-Shad, del periodo dei Temuridi).

In serata trasferimento in aereoporto per il volo per Teheran.

Pernottamento in un hotel a Teheran.Sistemazione in camere doppie con bagno privato.

15° giorno – venerdì 25 ottobre

La mattina, dopo colazione, in base agi operativi del volo, trasferimento in aeroporto per il rientro in Italia.

Note di viaggio

Il presente programma può essere soggetto a variazioni, sia prima che in corso di viaggio, in base al clima, le festività, alle esigenze dei viaggiatori e delle persone che ospitano il gruppo di viaggiatori.

Obbligatorio il passaporto con validità minima 6 mesi (non deve esserci il visto/timbro di Israele sul passaporto). Visto di ingresso obbligatorio, da richiedere tramite l’agenzia. Tutti i minori devono essere in possesso di passaporto individuale.

Non ci sono vaccinazioni obbligatorie ma per maggiori informazioni a riguardo consultare la propria Asl; per i documenti necessari, clima, abbigliamento ecc. richiedere all’agenzia il documento Prima di partire.

Referente locale

Il gruppo sarà accompagnato per tutto il tour da una guida iraniano che parla italiano e da un accompagnatore dell’agenzia dall’Italia.

Livello di difficoltà

In questo viaggio saranno utilizzati mezzi privati, ci sono diversi spostamenti alcuni abbastanza lunghi. Gli alloggi saranno per quattro notti molto semplici, presso degli ecolodge locali, con bagno in condivisione, nel resto del viaggio invece l’alloggio è previsto in hotel in camere doppie con bagno. In certe occasioni, dove possibile, si condivideranno alcuni pasti in famiglia, in base alla disponibilità delle famiglie stesse. Ciò permetterà di entrare più in contatto con le persone del luogo, apprezzandone l’accoglienza e lo scambio culturale reciproco. Purtroppo non è garantita questa possibilità, ma faremo del nostro meglio perché ciò avvenga.

Quando

Il presente programma è valido per le date indicate su sito di www.viaggiemiraggi.org.

Per maggiori informazioni vedere il documento Come viaggiamo, consultabile sul sito internet o richiedibile direttamente in agenzia.

Quanto

Quota a persona per il viaggio di 15 giorni, per un gruppo di:

VoceQuota individuale
10 persone8 persone6 persone
1420,001480,001650,00

PER I DETTAGLI SULLA SCHEDA PREZZO TRASPARENTE CONTATTARE L’AGENZIA

Il costo totale espresso comprende:

  • compensi di intermediazione
  • assicurazione medico-bagaglio Filo diretto Assistance (solo per viaggiatori con partenza da territorio italiano)
  • due voli interni Teheran – Kerman e volo Mashad – Teheran
  • materiale informativo, incontro pre-viaggio e verifica post-viaggio
  • tutti i pernottamenti in camera con colazione (per quattro notti il bagno sarà in condivisione, alloggio presso hotel, ostelli, ecolodge)
  • trasporti interni con mezzi privati, autista e carburante, un giorno con jeep 4 x 4
  • copertura spese e compenso della guida locale in italiano per i giorni di affiancamento
  • copertura spese dell’accompagnatore dall’Italia
  • visite ed ingressi come da programma

Il costo totale espresso non comprende:

  • il volo aereo intercontinentale a partire da 330,00 euro, tasse aeroportuali escluse
  • tasse aereoportuali circa euro 40,00
  • supplemento singola a partire da 260,00 euro totali
  • assicurazione annullamento Filo diretto Assistance acquistabile in agenzia entro 32 giorni prima della partenza o in concomitanza con l’iscrizione al viaggio
  • pasti dei giorni mancanti (con una media di 7,00 euro a pasto, totale circa 200,00 euro a persona) e una bevanda ai pasti (escluso alcolici)
  • visto di ingresso dai 55,00 ai 80,00 euro a seconda se lo si fa in Italia o all’arrivo
  • eventuali supplementi di carburante o tasse di ingresso/uscita dal paese
  • eventuali supplementi per fluttuazioni del cambio
  • trasporti extra per visite libere
  • spese personali, extra in genere e quanto non espresso nelle voci sopra indicate

Le quote sono soggette a riconferma al momento della prenotazione

Condizioni di realizzazione

Il numero minimo di partecipanti richiesto per la realizzazione del viaggio è di 6 persone. Il viaggiatore sarà informato 15 giorni prima della partenza del raggiungimento o meno del numero minimo di partecipanti.


Richiedi un preventivo Stampa programma

Prossime partenze

  • 11/10/19 25/10/19

Partenze confermate

divisorio