Viaggio in Islanda, fuori dal cerchio

In viaggio con Nammi

Questo viaggio non prevede pressoché nessuna delle caratteristiche dei viaggi islandesi tradizionali. A cominciare dalla stagione in cui si svolgerà, l’autunno inoltrato, un periodo dell’anno snobbato dal turismo di massa ma non dalla natura, che premia i viaggiatori d’autunno con un vasto campionario di colori caldi di giorno e con l’atteso ritorno dell’aurora boreale di notte.

Viaggio in Islanda, fuori dal cerchio
Foto di annca da Pixabay
divisorio

Il viaggio giorno per giorno

Programma di viaggio in Islanda

1° giorno

Partenza dall’aeroporto italiano di riferimento alla volta di Londra Stansted.

Da qui partenza per il volo diretto per Akureyri, villaggio nel nord dell’Islanda.

Atterraggio all’aeroporto di Akureyri alle 14:45 locali. Incontro con le guide e inizio
dell’avventura. Ci si dirige fuori città, in direzione est. La prima visita è alla scenografica cascata
Goðafoss, di forma semicircolare, intrisa di storia e leggende. Proseguendo, si raggiunge il fiume
Laxá e le rurali valli di Aðaldalur e Laxárdalur, inondate di lava grezza, per poi spingersi
fino alla selvaggia strada che dal deserto di Hólasandur conduce fino alla magnifica area
geotermale di Þeistareykir, una delle gemme nascoste del nord. Nel tardo pomeriggio si
raggiunge Húsavík.
In serata, possibile bagno nelle acque della magnifica GeoSea, piscina termale situata in
cima alla scogliera a picco sull’oceano (ingresso non incluso e opzionale).

Sistemazione in hotel, cena e pernottamento.

Pernottamento in hotel in zona centrale, in camera doppia con bagno privato

2° giorno

Prima colazione. Giornata molto lunga e dedicata ad una delle aree più remote e impressionanti dell’isola.
Si lascia Húsavík per dirigersi verso sudest, fino alla strada di montagna F88, ed addentrarsi negli
altipiani selvaggi. In queste terre sono custodite storie di banditi romantici, di pastori intrepidi,
di astronauti e di artisti, storie sospese tra realtà e leggenda che tingono di estrema fascinazione
la desolazione di queste lande. Lungo il percorso della giornata, dopo lava e guadi, si
attraversa l’oasi di Herðubreiðarlindir, dove si trova la “regina delle montagne” islandesi, per
poi arrivare a Dreki. Questa è l’area del “canyon del drago”, Drekagil e l’accesso alla caldera di
Askja, raggiungibile con un’escursione tra rocce laviche e desolazione assoluta. Lo scintillante
lago Öskjuvatn ed il cratere Viti sono le chicche fnali.

Ritorno lungo la stessa strada.
Cena e pernottamento.

3° giorno

Prima colazione.  Giornata principalmente dedicata a Húsavík, base di Nammi e di questo viaggio, rinomata a
livello mondiale per il suo whale watching. Dopo la visita al Museo delle Balene, museo unico
nel suo genere in tutta Europa, si può salire su battello di un operatore locale per un tour di
whale-watching durante il quale si potranno incontrare balene e delfini. Gli operatori locali aderiscono tutti al Codice di Condotta per un whale-watching responsabile.

Nel pomeriggio si raggiunge la cima alla penisola di Tjörnes,
dove la fattoria Mánárbakki ospita il peculiare e omonimo museo – che raccoglie oggetti di
ogni tipo – nei cui pressi si trova anche una delle stazioni metereologiche più settentrionali del
paese, gestita per oltre 60 anni da coloro che ancora abitano la fattoria, i quali ci racconteranno
di questa loro esperienza.

Ritorno a Húsavík, cena e pernottamento.

 

4° giorno

Prima colazione.  La giornata è interamente dedicata ad una delle regioni più varie d’Islanda dal punto
di vista naturale e paesaggistico. Nella zona del lago Mývatn acqua e fuoco si mescolano
di continuo, dando vita a una serie infinita di formazioni geologiche rare e affascinanti. Tra le
attrazioni principali ci sono gli pseudo-crateri di Skútustaðagígar (formazioni geologiche
presenti solo qui e su Marte) ed il bizzarro campo lavico di Dimmuborgir. L‘area geotermale di
Hverir, poco distante dal lago, è tra le porzioni terrestri più simile al pianeta rosso dal punto
di vista geologico.

Si prosegue poi fino alla sponda occidentale del meraviglioso canyon
dello Jökulsárgljúfur, scavato dal portentoso fiume Jökulsá á Fjöllum che nasce dal ghiacciaio
più grande d‘Europa. In quest‘area si visitano la maestosa cascata di Dettifoss, una vera forza
della natura ed il grandioso canyon di Ásbyrgi, che si dice sia stato formato dal cavallo di Odino
e che ora sia la capitale del misterioso popolo nascosto.

Ritorno a Húsavík. Cena e pernottamento

5° giorno

Prima colazione e partenza.  Forse l‘area d‘Islanda meno visitata in assoluto, l‘estremo nordest regala scorci naturali di
malinconica bellezza e storie inaspettate.
In questa giornata ci si reca alla penisola di Melrakkaslétta, dove si trovano uno dei fari più
remoti dell‘isola, nonché il più settentrionale, e la cittadina di pescatori di Raufarhöfn, nei
cui pressi si erge il misterioso e mistico Arctic Henge.
Continuando verso sud si raggiunge la baia più fredda del paese, il Þistilfjörður,
area nella quale si trova l’interessantissimo Museo e Centro Ricerca sulle forystufé, ovvero
le pecore capobranco, la razza purosangue di ovini islandesi, dalle quasi mitiche peculiarità
fisiche e comportamentali. Qui saremo accolti dal direttore del museo che, di fronte a un caffè
bollente, ci permetterà di immergerci in questo mondo quasi sconosciuto ma legato a doppio
filo alle comunità rurali.

Ritorno a Húsavík, cena e pernottamento

6° giorno

Prima colazione. Si saluta Húsavík dirigendosi verso ovest, prima fino ad Akureyri e poi, oltre il passo di
Öxnadalsheiði, fino alla zona di Varmahlíð. Qui, si trascorre la tarda mattina ad assistere a quello
che è uno dei tipici eventi rurali più importanti e d‘impatto di tutta l‘Islanda, il réttir, il raduno degli
animali più preziosi per l‘Islanda del passato, le pecore. In Islanda, perdurano ancora molte
delle antiche tradizioni relative all‘allevamento e alla cura delle pecore, tra cui quella di lasciare,
in estate, le pecore e gli agnelli liberi sui pascoli montani per poi radunarli in pieno autunno e
riportarli all‘interno dei vasti recinti e degli ovili per l‘inverno.

Nel pomeriggio, trasferimento verso nord, seguendo la costa occidentale
dell‘aspra penisola di Tröllaskagi, dove si trova la magnifca Siglufjörður, villaggio situato in un
incantevole fordo dove il Museo dell’Aringa racconta uno dei capitoli più importanti della
storia islandese, quello dei 100 anni durante i quali la pesca dell‘aringa, l‘argento del mare, ha
plasmato la società e l‘economia di quest‘isola.

Sistemazione in hotel, cena e pernottamento.

7° giorno

Prima colazione. La giornata si apre raggiungendo Hauganes,
dove si visita lo stabilimento di lavorazione del pesce dell‘istrionico “Re del Baccalà”, che
va avanti da molte generazioni e la cui visita permette di scoprire alcuni dei segreti della
pesca e della salatura del merluzzo. Nella piccola baia del paesino si trova anche una bella hot
pot, proprio in riva al mare (ingresso non incluso e opzionale).

Nel pomeriggio ci si trasferisce fino alla rurale valle di Bárðardalur, graffata
dal corso dello Skjálfandafljót, fiume glaciale che nasce dal grande ghiacciaio Vatnajökull.
Si risale la valle fno a raggiungere l’inizio dei selvaggi altipiani. Qui, a rompere lo scorrere
orizzontale del fiume, si nasconde la magnifica cascata Aldeyjarfoss, incorniciata da colonne
di basalto, una delle gemme più preziose del nord che permettono di concludere al meglio
l’avventura fuori dal cerchio.

Ritorno in Akureyri, dove si saluta la guida. Cena e pernottamento

8° giorno

Prima colazione. In mattinata, trasferimento all’aeroporto di Akureyri.

Operazioni di check-in e volo di rientro per Londra Stansted previsto per le 7:45. 

Scalo e partenza per il volo di rientro in Italia.

 

Note di viaggio

Il presente programma può essere soggetto a variazioni, sia prima che in corso di viaggio, in base al clima, le festività, alle esigenze dei viaggiatori e delle persone che ospitano il gruppo di viaggiatori.
Nessuna vaccinazione o visto di ingresso obbligatori.

Per entrare nel paese è sufficiente la carta di identità valida per l’espatrio.

Per maggiori informazioni sulle vaccinazioni consultare la propria Asl. Consigliamo di monitorare anche la pagina Viaggiaresicuri.it per le disposizioni relative al Covid 19.

Referente locale

Il viaggio è completamente accompagnato da un referente locale, che opera come guida e autista. E’ italiano e vive da 7 anni nel villaggio di Husavik, nel nord dell’Islanda. Con passione conduce viaggiatori (e astronauti) di tutto il mondo in ogni zona del paese e conosce come le sue tasche il museo dei cetacei. Conosce storie e aneddoti legati alla quotidianità islandesi, grazie ai quali è possibile conoscere la cultura e le abitudini locali!

Nammi è un podcast ideato e realizzato da Francesco e Leonardo nel 2020, un po’ per il tempo extra a disposizione, rispetto alle loro attività normali, “regalato” dai primi mesi della pandemia, e un po’ per la voglia e la necessità di raccontare quelle storie, piccole e inusuali, che danno vita all’Islanda di cui si sono innamorati, all’isola che da diversi anni è casa loro.

Livello di difficoltà

Il viaggio prevede spostamenti frequenti, di massimo 3-4 ore, a bordo di un van privato da max 15 posti.

Le condizioni meteorologiche saranno molto variabili, con possibilità di poggia e vento. Le temperature oscillano solitamente tra i 5 e i 18 gradi (di giorno) e tra lo zero e i 10 gradi (di sera).

La presenza di sentieri e strade dissestate rende il viaggio sconsigliato per le persone con mobilità ridotta. Viaggio non consigliato a bambini sotto i 12 anni.

Quando

Il presente programma è valido per le date indicate nel sito www.viaggiemiraggi.org
Per maggiori informazioni vedere il documento Come viaggiamo, consultabile sul sito internet o richiedibile direttamente in agenzia.

Quanto

Quote a persona per il viaggio di 8 giorni, per un gruppo di:

VoceQuota individuale
12 persone10 persone
Quota viaggio2000,002120,00

PER I DETTAGLI SULLA SCHEDA PREZZO TRASPARENTE CONTATTARE L’AGENZIA

Il costo totale espresso comprende:

  • Compensi di intermediazione e di organizzazione.
  •  Materiale informativo e assistenza pre-viaggio.
  •  Volo internazionale andata e ritorno Londra Stansted-Akureyri, incluso bagaglio da 20kg
  •  7 Pernottamenti in camere doppie con bagno privato.
  • 7 Colazioni.
  •  Trasporti interni in minivan o minibus, incluse spese per pedaggi, parcheggi e carburante.
  • Guida italiana per 7 giorni di affiancamento.
  •  Spese vitto e alloggio guida/autista.
  • Whale watching su peschereccio tradizionale a Húsavík.
  • Ingressi a:
    – Tutte le attrazioni naturali
    – Museo delle Aringhe (inclusa degustazione)
    – Laboratorio del “Re del Baccalà”
    – Museo e Centro Ricerca sulle forystufé
    – Fattoria e museo Mánárbakki
    – Museo delle Balene
  • IVA e tasse locali

Il costo totale espresso non comprende:

  • escursioni, visite e altre attività non espressamente menzionate alla voce “Il prezzo comprende”
  • volo a/r Italia- Londra Stansted
  • cene (costo indicativo € 25, bevande alcoliche escluse), pranzi (costo indicativo € 10)
  • polizza annullamento AXA
  • polizza medico-bagaglio
  • spese personali, extra in genere e quanto non espresso nelle voci sopra indicate.

Condizione di realizzazione

Il numero minimo di partecipanti richiesto per la realizzazione del viaggio è di 6 persone.


Richiedi un preventivo Stampa programma

Prossime partenze

  • 12/09/22 19/09/22
divisorio