Viaggio in Piemonte, Capodanno a Torino

Dal 30 dicembre al 2 gennaio e dal 5 gennaio al 8 gennaio per Epifania

Un Capodanno a Torino alla scoperta di una città in fermento, immersa tra i profumi di oggi e quelli di ieri. Il tour offre l’opportunità di conoscere da vicino aspetti meno noti: Porta Palazzo, la cucina di Torino, e i suoi mille sapori e colori, i luoghi della solidarietà testimoni di un lungo cammino di rigenerazione urbana, San Salvario, crocevia di culture.

L’ultimo dell’anno sarà festeggiato con cena e musica dal vivo in un luogo simbolo del processo di trasformazione cittadino, Borgo Dora, dove sorgeva l’arsenale militare, ora luogo che ospita progetti sociali e locali che animano la vita notturna cittadina.

Una Torino sospesa tra tradizione e innovazione che sa accogliere con i suoi tratti garbati e gentili, il suo buon vino e la sua offerta enogastronomica che avremo modo di degustare durante il nostro soggiorno.

Viaggio in Piemonte, Capodanno a Torino
Photo by Flavio Pi on Unsplash
divisorio

Il viaggio giorno per giorno

Ed Epifania

Programma di viaggio in Piemonte

1° giorno

Ritrovo a Torino in mattinata con i referenti locali di ViaggieMiraggi.
Il tour ha inizio da Porta Palazzo dove lo sguardo può spaziare dalla collina alla Mole, dalle montagne alla cupola del Duomo. In questa piazza, sede del più ampio mercato d’Europa, si abbraccia tutto il senso di Torino.
Porta Palazzo è la “cucina di Torino”, come l’ha definita Giuseppe Culicchia, autore torinese innamorato della sua città. Tra le sue bancarelle si sprigionano i profumi intensi del Mediterraneo, dei formaggi delle valli alpine, della menta marocchina e delle spezie che fanno correre la mente verso paesi lontani. Passeggiando si incontrano l’Europa, l’Asia, le Americhe e l’Africa in un caleidoscopio di colori. Porta Palazzo è storia, è luogo caro ai torinesi che ancor oggi la chiamano Porta Pila. Da sempre è il fulcro del commercio cittadino e sede del Balon, il mercatino delle pulci e del brocantage.

Pranzo libero in uno dei ristorantini adiacenti alla piazza del mercato.

Nel pomeriggio continua il tour di Porta Palazzo, famoso anche per essere il quartiere dei Santi Sociali di Torino dove la solidarietà è di casa. A fine Ottocento vi trovavano rifugio i poveri della città, ed è qui che si stabilì Don Giovanni Bosco, accogliendo i primi ragazzi di strada, e il Cottolengo.
Dopo una sosta per rinfrescarsi presso la struttura dove si pernotta trasferimento per la cena in trattoria dove potremo degustare un menu tipico di eccellenze piemontesi (non inclusa).

Pernottamento trattamento b&b con colazione in camera doppia con bagno (possibilità di camera singola).

2° giorno

Dopo colazione partenza con i mezzi pubblici, alla scoperta di San Salvario, lo storico quartiere dell’accoglienza per tradizione.
A Torino si dice: “A San Salvario c’è tutto”. Situato tra la stazione di Porta Nuova e il Parco del Valentino, questo quartiere, fin dai primi anni 50, è stato l’approdo per migliaia di migranti che dal Sud Italia venivano a cercare un futuro migliore attratti dalle operose fabbriche torinesi. Oggi continua ad essere un crocevia di culture provenienti dall’Europa dell’Est, dall’Oriente e dall’ Africa. Il dolce “garbo parigino” descritto nelle poesie di Gozzano lo si scorge nei palazzotti di fine ‘700, le botteghe di artigiani, di artisti e di brocante si trovano ancora nelle vie a fianco dei negozi con specialità provenienti da tutto il mondo.

Pranzo libero nel quartiere pomeriggio libero in attesa dei festeggiamenti per il Capodanno. Torino ha molto da offrire, si può trascorrere il pomeriggio passeggiando tra le vie del centro Città o scegliere di visitare uno dei molti musei che arricchiscono l’offerta culturale della Città: dal Museo Egizio a quello dell’Auto, dalla Galleria d’arte moderna, a quello delle arti orientali.

Ritrovo per il Cenone di Capodanno (31 dicembre)/Epifania (sera del 5 gennaio) (incluso) nel cuore di Borgo Dora. Cena e musica ci accompagneranno in allegria verso il nuovo anno.

Rientro nel B&B e pernottamento.

3° giorno

La prima giornata dell’anno è dedicata a un lento risveglio e una passeggiata libera per le vie del Centro di Torino.
Dopo il pranzo libero ritrovo con il nostro referente per una visita al Museo nazionale del cinema, un’eccellenza del patrimonio culturale di Torino. Accanto esposizione permanente, sarà possibile visitare la mostra LE MANI SULLA VERITÀ. 100 ANNI DI FRANCESCO ROSI, capace di coniugare l’arte cinematografica con l’impegno civile e che ha influenzato profondamente il cinema italiano e internazionale. E per gli amanti del brivido DARIO ARGENTO – THE EXHIBIT, un progetto espositivo che compone un completo e articolato discorso visivo sull’immaginario del regista.
Il nostro tour continua con una passeggiata guidata per ammirare le Luci d’artista, una manifestazione che anima il Natale torinese da 24 anni e che rappresenta una vera e propria mostra d’arte contemporanea a cielo aperto, con opere realizzate da bravissimi artisti contemporanei italiani e stranieri.

Rientro in b&b e cena libera.

4° giorno

In mattinata, dopo colazione, spostamento in autobus per raggiungere il Museo Diffuso della Resistenza.
Il Museo offre ai propri visitatori un patrimonio di documenti e memorie della società civile e politica. Un esempio unico nel panorama nazionale in un’azione mirata a coinvolgere e tenere strettamente legati la memoria e la documentazione di un passato tragico e glorioso con lo sguardo rivolto al futuro dei Diritti e delle Libertà. Dal 2009 il Palazzo ospita anche la sede del Centro Internazionale di Studi Primo Levi, grandissimo intellettuale e testimone del secolo scorso.

Segue pranzo libero.

Per chi lo desidera è possibile prolungare la visita alla città recandosi a visitare una delle molteplici mostre che animano la vitya culturale della città. Tra le altre segnaliamo Salvador Dalì in mostra alla Palazzina di Caccia di Stupinigi di Nichelino (Torino), The World of Banksy – The immersive experience” , Frida Kahlo – Il caos dentro Robert Doisneau, uno dei più importanti fotografi del Novecento.

E arrivato il tempo di dirsi “Arvedse”, arrivederci in piemontese, accompagnati dalla voglia di tornare presto nella bella Torino.

Note di viaggio

Il presente programma può essere soggetto a variazioni, sia prima che in corso di viaggio, in base al clima, le festività, alle esigenze dei viaggiatori e delle persone che ospitano il gruppo di viaggiatori. Delle attività previste durante il viaggio non sono da considerarsi facoltative le visite alle comunità e ai progetti.
I programmi, i trasporti e le sistemazioni nelle strutture ricettive potranno essere modificati in base alle norme nazionali e regionali per la prevenzione da contagio Covid-19.

Sono necessari: abbigliamento e scarpe comodi e nessun particolare equipaggiamento tecnico.

Si prega di comunicare per tempo eventuali intolleranze alimentari, allergie ed esigenze particolari, legate all’alimentazione (es. vegetariana/vegana).

Referente locale

Durante il soggiorno ci sarà l’affiancamento di Stefano e Valeria di Italian Steps, referenti di ViaggieMiraggi, per introdurre i visitatori nel “vissuto” del territorio e favorire l’incontro con gli operatori locali e con le specificità dei luoghi.

Livello di difficoltà

Il viaggio non presenta difficoltà e le escursioni sono di livello turistico, adatte anche a bambini, adulti fuori allenamento ed anziani in buono stato di salute.  Tuttavia la presenza di alcune barriere architettoniche può ostacolare la partecipazione di persone con difficoltà motorie.

Quando

Il presente programma è valido per le date indicate nel sito www.viaggiemiraggi.org
È possibile concordare altre date rispetto a quelle proposte: per maggiori informazioni vedere il documento Come viaggiamo, consultabile sul sito internet o richiedibile direttamente in agenzia.

Quanto

Quote a persona per il viaggio di 4 giorni per un gruppo di:

Voce
 6/10 persone4/5 persone3 persone
Quota viaggio450480540

PER I DETTAGLI SULLA SCHEDA PREZZO TRASPARENTE CONTATTARE L’AGENZIA

Il costo totale espresso comprende:

  • Compensi di intermediazione
  • 3 pernottamenti in camera doppia con colazione
  • Visita accompagnata a Porta Palazzo e San Salvario come da programma
  • Biglietto di ingresso al Museo del cinema
  • Biglietto di ingresso e visita guidata al Museo della Resistenza)
  • Cena di Capodanno (bevande incluse) e concerto
  • 2 abbonamenti giornalieri mezzi pubblici
  • Sostegno a progetto sociale Sole ODV
  • Assicurazione medico bagaglio Filodirettoassistance (copre anche costi di cancellazione pernottamenti e spese da sostenere in caso di ricovero per Covid19 – leggi qui le condizioni)
  • Copertura spese e compenso del referente locale per i 4 giorni di affiancamento

Il costo totale espresso non comprende:

  • Viaggio A/R per Torino
  • 1 cena in trattoria con menu tipico (bevande incluse)
  • Supplemento camera singola (da 20 euro), da verificare in base alle disponibilità
  • Assicurazione annullamento Filo diretto Assistance acquistabile in agenzia entro 32 giorni prima della partenza o in concomitanza con l’iscrizione al viaggio
  • Spese personali, i pasti identificati come liberi, gli extra in genere e quanto non espresso nelle voci sopra indicate.

Le quote sono soggette a riconferma al momento della prenotazione

Condizione di realizzazione

Il numero minimo di partecipanti richiesto per la realizzazione del viaggio è di 3 persone.

Il viaggiatore sarà informato fino a 15 giorni prima della partenza del raggiungimento o meno del numero minimo di partecipanti.

Informazioni

Per maggiori informazioni: scrivere una e-mail all’indirizzo: italia@viaggiemiraggi.org


Richiedi un preventivo Stampa programma

Prossime partenze

  • 30/12/22 02/01/23
  • 05/01/23 08/01/23

Partenze confermate
In via di conferma

Ti accompagnerà

Stefano

Stefano è nato con la bicicletta, ricorda ancora i primi slalom tra gli alberi dei giardini torinesi. La sua passione lo porta alle corse da giovanissimo e poi alle granfondo. La bicicletta per Stefano è sinonimo di libertà, di scoperta e di benessere. Per questo motivo ha compiuto cicloviaggi in Olanda, Danimarca e nel 2021 la Trieste Torino lungo l’argine del Po. Nelle lunghe ore in sella ama osservare il paesaggio e quando è possibile fermarsi in piccole osterie e sentire le chiacchere dei frequentatori. La bici è il mezzo per sentire il mondo circostante, il vento che cambia ad ogni curva, il sole che imperla la fronte, la pioggia che batte sulle braccia e sulle gambe, il canto di un gallo lontano… Dal 2018 anni segue i bambini di una società ciciclistica cercando di trasmettergli i valori di questo splendido sport che è il ciclismo.  Accompagnatore Cicloturistico abilitato dalla Regione Piemonte e accompagnatore e-bike SIEB Stefano è pronto per accompagnarvi alla scoperta di luoghi insoliti della sua città, Torino e delle Langhe dove ha le sue radici. Non solo ciclismo, Stefano ha fondato nel SOLE, un’associazione di volontariato che promuove i valori della giustizia sociale e dell’uguaglianza impegnandosi in Mozambico, Sud Africa, Kenya e Italia. Dal 2019 è Ability Advisor esperto di turismo accessibile. Fa parte di Italian Steps nodo della rete di ViaggieMiraggi in Piemonte ed è anche creatore e accompagnatore insieme a Paola e Valeria di tour in Sud Africa e Mozambico.

Stefano

Valeria

Valeria è accompagnatrice turistica abilitata. Nata a Torino, è innamorata della sua città e della sua Regione, che non si stanca mai di esplorare e guardare con gli occhi del viaggiatore, scoprendone in continuazione nuovi angoli e aspetti sorprendenti. È specializzata nel turismo incoming per gli stranieri e fondatrice di Italian Steps, che offre soggiorni e tour in Italia con visite a località meno note del nostro Paese, abbinate all’insegnamento della lingua italiana.
È esperta di Turismo Accessibile, con qualifica di Turismo Accessibile Advisor.

Insieme a Paola e Stefano è anche creatrice e accompagnatrice di tour in Sud Africa, per quali hanno ricevuto dall’Ente del Turismo Sudafricano la qualifica di South African Specialist, e Mozambico. Con Roberta, inoltre, è accompagnatrice in Irlanda dove, molti anni fa, ha iniziato le sue esplorazioni zaino in spalla e autostop, entrando in contatto con luoghi e persone con cui ha stabilito rapporti che permangono.

Valeria
divisorio