Etiopia. Consigli utili per chi parte in viaggio

Che lingua si parla in Etiopia?

In Etiopia ci sono circa 80 gruppi etnolinguistici, i più grandi sono Tigrini, Amara e Oromo. L’amarico è la lingua più diffusa e utilizza l’uso dell’alfabeto amarico.

Fuso orario e calendario

Al momento dell’arrivo in Etiopia bisognerà mettere avanti l’orologio di 2 ore, di 1 ora quando in Italia vige l’ora legale.

Attenzione al modo di leggere l’ora in Etiopia, le ore del giorno nuovo si contano dall’alba (le nostre 6 del mattino) e non dalla mezzanotte. Di conseguenza, se il mio orologio segna le 8 del mattino, per loro saranno le 2. Il sistema orario è basato su due cicli di 12 ore. Per gli orari dei voli aerei l’ora è invece sempre espressa in modo internazionale.

Il calendario etiope segue il calendario giuliano, che è indietro rispetto al nostro di 7 anni e 8 mesi. Solo nelle relazioni internazionali il governo e il mondo degli affari seguono il calendario gregoriano. I mesi hanno solo 30 giorni, per compensare hanno un tredicesimo mese composto di 5 o 6 giorni.

Vaccinazioni

Nessuna vaccinazione è obbligatoria. Il vaccino contro la febbre gialla è obbligatorio solo per chi proviene da Paesi infetti; mentre per chi arriva in Etiopia dall’Italia non è obbligatorio ma consigliato.

Vaccinazioni consigliate: epatite A e B, difterite e tetano, morbillo, febbre tifoide e meningite.

 

Profilassi malarica

Il rischio malarico, prevalentemente nella forma maligna da P. falciparum, è presente quasi tutto l’anno nelle zone al di sotto dei 2000 m. Ad Addis Abeba, così come sulle località dell’altopiano (Lalibela) non vi è rischio malarico. Nelle aree del bassopiano la frequenza di contagio della malaria è bassa. La scelta di un’eventuale profilassi è riposta nel viaggiatore. E’ consigliabile munirsi di farmaci antimalarici da prendere nell’eventualità di contrarre la malaria. Alcune precauzioni possono ridurre il rischio al minimo: usare le zanzariere, coprire le parti esposte del corpo, usare repellenti cutanei.

Quando andare?

Nelle regioni dell’acrocoro etiope il clima è temperato secco con notevole escursione termica tra giorno e notte.  Nel mese di dicembre e gennaio le temperature medie oscillano tra i 20-25 gradi di giorno e 7-8 gradi di notte. Nelle regioni al di sotto dei 1.500 metri le temperature medie salgono quasi fino ai 30 gradi registrando minore escursione termica fra giorno e notte. Si tratta di un caldo piuttosto secco. Dicembre e gennaio sono i mesi caratterizzati dai livelli più bassi di precipitazioni annuali. La stagione delle piogge è da maggio a settembre.

Che moneta c’è in Etiopia?

La moneta ufficiale è il birr, che fu introdotto al termine della seconda guerra mondiale nel 1945. Per tutte le informazioni sulla valuta aggiornata, consultare il seguente sito internet.

 

 

Etiopia. Consigli utili per chi parte in viaggio