Il blog di VeM

Viaggio in Cambogia, scoprire la vita che scorre sul fiume

Cambogia | Viaggio in Cambogia, scoprire la vita che scorre sul fiume

3 luglio 2017

Un articolo a cura di Valentina Nargino

Valentina Nargino

“Quello che rimane dopo un viaggio in Cambogia è l’incontro con le donne del villaggio o l’amicizia di un bambino che ti prende per mano”. Così racconta Oscar, referente di viaggio per ViaggieMiraggi “Prima di partire, con Internet ci si può preparare alla visita ai monumenti, alle città turistiche. Ma il web o una guida turistica non possono certo trasmettere le emozioni del contatto umano, che sono indescrivibili”.

Ed è propri così: conoscere la Cambogia da vicino significa scoprire la vita che scorre sul fiume, nelle campagne e nei villaggi, le persone che incontri lungo il percorso.

Abbiamo chiesto a Oscar di raccontarci alcuni di questi incontri. “Uno dei progetti a cui sono più legato è quello di un centro di accoglienza per bambini orfani o provenienti da situazioni difficili a Battambang, gestito da un monaco, che tutti chiamano “pà””. Qui vivono circa 50 bambini, dai più piccoli di sei anni che frequentano la scuola statale a coloro che ormai sono grandi e lavorano. “Grazie al centro sono state costruite 3 casette, dove i bambini possono alloggiare e studiare inglese e informatica. Durante la visita i viaggiatori sono sempre molto colpiti dalle attività che qui si svolgono, che vengono sostenute anche da una parte di quota del loro viaggio”.

Viaggio Cambogia

Un altro momento che a Oscar piace condividere con i viaggiatori è l’ incontro con una ONG cambogiana, impegnata nell’assistenza e nel sostegno ai bambini e alle donne del distretto di Kandal. Qui  molte famiglie vivono in condizioni di forte povertà, dopo essere state espropriate a causa di alcune multinazionali. “Hanno occupato una striscia di terra, dove durante la stagione delle piogge si arriva solo in barca. Qui sperano di essere lasciati in pace, vivendo di pesca e della coltivazione di ortaggi”. Le donne svolgono un ruolo fondamentale: hanno scelto di provare – insieme – a dare una svolta alle difficili condizioni di vita della comunità attraverso il microcredito. “Le donne si occupano del benessere della famiglia e per questo ricevono aiuti. Durante la nostra visita al progetto ci spiegano in maniera molto spontanea quali sono i loro obiettivi. Si tratta di cose molto semplici, ma che per loro hanno una grande importanza e permettono di avere un po’ di autonomia: una rete per pescare, una cesta per il gallo, due galline”.

Viaggio Cambogia

Piccoli dettagli che fanno la differenza? Di certo aspetti che normalmente chi fa un viaggio “tradizionale” in Cambogia non arriva a conoscere: “Di solito visiti i templi, la capitale, poi ti sposti subito al mare. Durante il nostro itinerario i viaggiatori entrano in contatto con realtà locali, che puoi incontrare davvero solo conoscendole da vicino”. Momenti che rimangono impressi per sempre.