Zanzibar: informazioni utili per chi parte in viaggio

Zanzibar è una parte della Tanzania, geograficamente corrispondente all’arcipelago omonimo, composto da due isole principali, Unguja e Pemba, e numerose isole minori. Zanzibar e la parte continentale della Tanzania (allora Tanganica) si unirono solo nel 1964, poco tempo dopo la rivoluzione di Zanzibar; in precedenza, Zanzibar era un soggetto politico distinto, prima un sultanato e poi un protettorato britannico e infine, brevemente, una monarchia costituzionale. (fornte Wikipedia)

La capitale è Zanzibar City e il suo centro storico è noto come Stone Town.

Visto e passaporto

È necessario il passaporto, con validità residua di almeno 6 mesi al momento dell’ingresso nel Paese. I turisti italiani devono essere in possesso del visto. È preferibile ottenere il visto (valido per l’intero territorio della Repubblica Unita della Tanzania, compresa Zanzibar) prima della partenza. Esso può essere richiesto all’Ambasciata a Roma o al Consolato a Milano.

Valuta della Tanzania e Zanzibar

La moneta é lo scellino tanzaniano (TZS). Si trovano banconote da 20, 50, 100, 200 e 500 TZS, e monete 1, 5 e 10 TZS.

Il cambio aggiornato della valuta con l’euro è consultabile qui.

In Italia la moneta di questo paese non è reperibile e quindi occorre comprarla direttamente in loco, cambiando dollari o euro presso le banche o Bureau des chages.
E’ necessario comunque di portarsi via un po’ di dollari per il pagamento di alcuni servizi.

Vaccinazioni e rischi sanitari

Non ci sono vaccinazione obbligatorie. Si consiglia la vaccinazione contro la febbre gialla, contro tifo, tetano, epatite B e malaria. La malaria è endemica ma il rischio è basso e gli ospedali sono affidabili.

A volte le raccomandazioni date da alcune guide hanno un tono troppo allarmista con il rischio di preoccupare più del dovuto.
Il suggerimento é di seguire i consigli base di igiene:

  • mangiare solo cibi cotti di recente;
  • evitare le creme pasticcere;
  • bere solo bevande sigillate o in lattina;
  • non comprare cibi o bevande da ambulanti;
  • evitare il ghiaccio e i gelati;
  • mangiare cruda solo la frutta che si sbuccia;
  • lavarsi le mani prima dei pasti e dopo aver usato i servizi igienici;
  • in caso di diarrea lieve bere molti liquidi (acqua minerale, succhi di frutta). Se ladiarrea è più grave usare le soluzioni reidratanti o fare altre terapie, dopo aver consultato un medico.

Il clima in Tanzania e a Zanzibar

In Tanzania ci sono diverse regioni climatiche.

La quota elevata dell’altopiano tempera notevolmente quello che sarebbe altrimenti un clima tropicale e in molte località può fare abbastanza fresco di notte.
La fascia costiera lungo l’Oceano Indiano e le isole al largo della costa (Pemba, Zanzibar e Mafia) hanno invece un clima caldissimo, umido e tropicale, mitigato dalle brezze marine, e soltanto le pendici dei monti situati nella regione nord-orientale beneficiano di un clima quasi temperato per buona parte dell’anno.La stagione secca va da maggio a novembre: in questo periodo il clima è temperato (min 20° max 30° ) e asciutto

La stagione secca va da maggio a novembre: in questo periodo il clima è temperato (min 20° max 30° ) e asciutto ed è considerato il più piacevole dell’anno. Per visitare il Serengeti nel suo momento migliore sarà invece meglio evitare la stagione secca, poiché in questo periodo praticamente tutti gli animali del paese ‘vanno in vacanza’ in Kenya.tagione delle piogge

La stagione delle piogge va da marzo a maggio, e piove quasi ogni giorno; c’è un’altra, stagione delle piogge che da novembre a gennaio.Nell’isola di Zanzibar la stagione delle piogge va da aprile a maggio.

Nell’isola di Zanzibar la stagione delle piogge va da aprile a maggio.

Accessori da portare a Zanzibar

Consigliamo inoltre di portare:

  • un sacco lenzuolo;
  • un torcia con le pile di ricambio;
  • un adattatore per la corrente elettrica. In questo paese abbiamo un voltaggio di 230 V con una frequenza di 50 Hz, e le seguenti prese: Britannica vecchio tipo a 3 poli e Britannica a 3 poli.

La Tanzania è un Paese sicuro?

Risultano essere in marcato aumento, nelle aree urbane, rapine, scippi ed episodi di criminalità. È pertanto necessario esercitare un elevato grado di cautela, soprattutto per quanto riguarda Dar es Salaam (e Zanzibar) nei luoghi pubblici. A Dar es Salaam, in particolare, occorre prestare particolare attenzione nella zona denominata “Msasani Peninsula”.