Viaggio in Romania: Transilvania, Maramureş e Bucovina

10 giorni da trascorrere in tre affascinanti regioni dell’Europa sud-orientale: la Transilvania, il Maramureş e la Bucovina, tutte situate in Romania.

La prima parte del viaggio, dopo un assaggio di Banato con l’arrivo a Timişoara, si svilupperà lungo tre cittadine transilvaniche: Sibiu, Sighişoara e Cluj, custodi di antichi popoli come i Sassoni di Transilvania – contadini di lingua tedesca provenienti da Lussemburgo e valle del Reno, invitati in Transilvania nel XII secolo dal re ungherese Géza II – che conosceremo anche attraverso le loro danze tradizionali; minoranze nazionali (in particolare quella ungherese); valli incantate strette a ridosso della catena dei Carpazi; una gastronomia unica nata dall’incontro tra culture differenti ed oggi valorizzata dalla rete di Slow Food in Romania, i cui membri incontreremo in alcune tappe del viaggio.

In Transilvania avremo occasione anche di entrare in contatto con due esperienze di attivismo sociale e politico: il movimento “Save Roşia Montanǎ” e il teatro sociale “ Reflektor”.

La seconda parte del viaggio è dedicata al Maramureş, nel nord della Romania ai confini con Ungheria e Ucraina. Qui scopriremo le sue chiese lignee patrimonio Unesco e antiche tradizioni inalterate da secoli come la fienagione e successiva costruzione delle balle di paglia, soggetto di innumerevoli ricerce etnografiche; ascolteremo la sua musica tradizionale presso una famiglia di musicisti che ci ospiterà anche per le due notti di pernottamento.

Il viaggio terminerà in Bucovina, per contemplare i meravigliosi monasteri ortodossi di Suceviţa, Humor e Voronet nonché incontrare la tradizione locale della terracotta nera. 

Viaggio in Romania: Transilvania, Maramureş e Bucovina
Foto di Piero Maderna
divisorio

Il viaggio giorno per giorno

Programma di viaggio

1° giorno – Sabato 7 Agosto

Arrivo a Timişoara con i seguenti voli:

RYANAIR : BERGAMO – TIMISOARA: 1435 – 1715

Arrivo a Timişoara, incontro presso l’aeroporto con il mediatore culturale e la guida locale e sistemazione in hotel nel centro cittadino. Primo giro per la città e cena tradizionale organizzata dal Convivium Slow Food Timişoara.

Rientro in hotel e pernottamento.
Camere doppie con bagno privato

2° giorno – Domenica 8 Agosto

Colazione in hotel. In mattinata visita guidata della città principale del Banato romeno (capitale europea della cultura 2021) e in particolare il suo cuore storico di epoca austro-ungarica, per finire al “Museo della rivoluzione” dove incontreremo uno dei curatori per parlare dei moti dell’89 romeno – partiti proprio da Timişoara – che portarono alla caduta della Romania socialista.

Pranzo libero. A seguire partenza per Sibiu. Lungo la strada ci fermeremo nel villaggio di Sibiel per visitare il museo di icone su vetro, straordinario esempio di arte contadina che ci trasporterà dentro ai quadri di Chagall.

Arrivo a Sibiu e sistemazione in hotel nel centro cittadino. Prima di cena prima camminata per la città.
Cena in ristorante tradizionale e pernottamento.

Camere doppie con bagno privato

3° giorno – Lunedì 9 Agosto

Colazione in hotel. In mattinata visita guidata del centro di Sibiu, da Piaţa Mare sino a Piaţa Huet situata nella città alta; il mercato contadino in Piaţa Cibin e la Torre Sfatului. Pranzo libero. A seguire partenza per la regione di Sighişoara percorrendo la valle Hartibaciu. Arrivo a Biertan e visita della chiesa fortificata (patrimonio Unesco).

Le chiese fortificate della Transilvania sono un’eredità della presenza in questa regione dei cosiddetti “Sassoni di Transilvania”, contadini di lingua tedesca provenienti da Lussemburgo e valle del Reno, invitati in Transilvania nel XII secolo dal re ungherese Géza II per difendere i confini meridionali del regno dalle scorribande di tartari e mongoli. Ogni villaggio sassone (dei circa centocinquanta esistenti ne sono rimasti cento, di cui sette patrimonio Unesco) aveva nella piazza principale una chiesa gotica cinta da spesse mura, all’interno delle quali si difendevano gli abitanti (assieme ad animali e raccolti agricoli) in caso di attacchi.

Da qui, a piedi o su un carro trasportato da cavalli, ci sposteremo al vicino villaggio di Richiş (6 km) per visitare una seconda chiesa fortificata. Nel tardo pomeriggio ci trasferiremo nel paesino di Alma Vii dove saremo ospiti presso una pensione a gestione familiare. In serata verrà organizzata un’esibizione di un gruppo di danze folcloristiche della minoranza di lingua tedesca, i sassoni di Transilvania.

Cena e pernottamento in pensione. Camere doppie con bagno privato

4° giorno – Martedì 10 Agosto

Colazione in pensione.

Al mattino visita della chiesa fortificata di Alma Vii, recentemente restaurata grazie all’impegno del “Mihai Eminescu Trust”. Trasferimento a Sighişoara e visita della cittadella. Per pranzo ci sposteremo nel vicino villaggio di Saschiz dove saremo ospiti di una fondazione locale impegnata da anni in progetti di sviluppo locale e protezione della biodiversità della zona. La fondazione è anche partner del “Presìdio Slow Food del maiale di Bazna”, che conosceremo assaporando i prodotti trasformati dalla carne di questo suino, in particolare lardo, strutto e pancetta.

Immersa nel panorama bucolico dei villaggi Sassoni, nel cuore della Transilvania, Bazna è un piccola municipalità del distretto di Sibiu che ha dato il nome a un caratteristica razza suina: il maiale di Bazna, un tempo allevata dalla popolazione sassone che abitava la zona dei Siebenburgen – i sette borghi della Transilvania –, i quali la prediligevano per la sua buona resistenza e la qualità del suo grasso. Il Presìdio lavora per rilanciare l’allevamento del maiale di Bazna in purezza, garantendo adeguati standard di benessere animale e contribuendo allo sviluppo sostenibile della comunità.

Nel tardo pomeriggio ritorno ad Alma Vii.
Cena e pernottamento in pensione. Camere doppie con bagno privato.

5° giorno – Mercoledì 11 Agosto

Colazione in pensione.
Partenza e breve visita di Alba Iulia, in passato tra le più importanti città della Transilvania, centro religioso e luogo dove nel 1918 fu celebrata l’unificazione della Transilvania con il resto della Romania.
Pranzo libero.

Dopo pranzo proseguiremo verso la terra dei Moţi, sui monti Apuseni, per raggiungere il villaggio di Roșia Montană.

Già ai tempi dei Daci e poi dei Romani, quando era conosciuto con il nome di Alburnus Maior, il sito era sfruttato a fini estrattivi: in circa cento anni, dal 107 al 217 DC, si stima che i Romani abbiano estratto 110 tonnellate di oro, trasportato poi lungo i corsi d’acqua del Mureş e del Danubio sino al Mar nero e da qui al Mediterraneo.

Dopo una visita alle  gallerie romane, incontremo alcuni membri del movimento “Save Roşia Montanǎ”, il più vasto movimento civico romeno impegnato da anni contro un controverso progetto estrattivo (in cui si prevede anche l’utilizzo di cianuro) delle montagne attorno a Roşia Montanǎ, mettendo a rischio l’esistenza stessa di tre villaggi e dell’ecosistema in cui sono immersi.

Al termine dell’incontro spostamento per la cena e il pernottamento in una pensione a gestione familiare nei dintorni di Rimetea.
Camere doppie con bagno privato.

6° giorno – Giovedì 12 Agosto

Colazione in hotel. Partenza per Cluj con sosta presso la cittadina di Turda per un pranzo organizzato dal locale Convivium Slow Food, accompagnati da un ensemble musicale della minoranza ungherese. Nel primo pomeriggio arrivo a Cluj e visita guidata del centro cittadino. Al termine della visita è previsto un incontro con i membri del teatro sociale “Reaktor”, un teatro indipendente di Cluj che indaga tematiche socio-politiche della Romania contemporanea.

Prima di cena sistemazione in hotel nel centro cittadino per un breve riposo. La cena, prevista nel giardino della facoltà di agraria, sarà curata dal Convivium Slow Food Cluj.

Pernottamento in hotel. Camere doppie con bagno privato.

7° giorno – Venerdì 13 Agosto

Colazione in hotel. Partenza per il Maramureş. In mattinata visiteremo le due chiese lignee di Surdeşti e Deseşti, entrambe patrimonio Unesco. Pranzo libero.

Il primo pomeriggio sarà dedicato alla cittadina di Sighetu Marmaţiei. Sino al 1944 la metà della popolazione di Sighetu era composta da ebrei; questa regione fu inoltre culla del chassidismo e della musica klezmer, espressione musicale della cultura ashkenazita. A Sighetu è prevista la visita del museo di Elie Wiesel; la sinagoga askenazita e il cimitero ebraico. Infine il museo nato all’interno della ex prigione per detenuti politici durante il periodo della Romania socialista. A seguire trasferimento a Sǎpȃnţa e visita al suo “cimitero allegro”.

Le croci in legno scolpite e dipinte dall’artigiano Stan Patras l’hanno trasformato in un vero museo. I colori delle croci e i versi pieni d’umorismo sorprendono i momenti essenziali della vita e mostrano la forza dello spirito rumeno, senza timore della morte.

Al termine della visita, nel tardo pomeriggio trasferimento al villaggio di Hoteni dove saremo ospiti presso la fattoria-guesthouse di una famiglia di musicisti locali.
Camere doppie con bagno privato.

8° giorno – Sabato 14 Agosto

Colazione in guesthouse. Giornata interamente dedicata al Maramureş. In mattinata cammineremo da Hoteni sino ai “Laghi di Hoteni” (20 minuti), area naturale protetta che ospita una ricca flora (in particolare 150 specie di alghe) e fauna (specie endemiche di pesci e tartarughe d’acqua dolce). Da qui, sempre a piedi raggiungeremo il vicino villaggio di Breb (4 km), narrato dallo scrittore inglese William Blacker nel suo libro autobiografico “Lungo la via incantata”. Visiteremo il piccolo museo di un intagliatore di legno per ammirarne i suoi manufatti, quindi pranzeremo presso la casa di una famiglia situata proprio a fianco di quella dove visse Blacker durante il suo soggiorno a Breb negli anni novanta del secolo scorso.

«Negli anni in cui rimasi nel Maramureş potei conoscere a fondo la vita dei suoi abitanti, che mi accolsero, mi sfamarono, mi protessero e mi parlarono liberamente delle loro usanze. Il villaggio di Breb divenne casa mia, e sebbene viaggiassi spesso, era il posto in cui immancabilmente tornavo, per ritrovare i sorrisi benevoli e accoglienti della gente e la tranquilla saggezza di Mihai».

Dopo pranzo ci sposteremo al villaggio di Sȃrbi con i suoi mulini ad acqua ancora in funzione, le piccole distillerie casalinghe dove si produce l’horincǎ (distillato di prugne) e l’artigianato locale specializzato in piccoli cappelli di paglia. Il villaggio successivo, Budeşti, merita una visita per le due chiese lignee rispettivamente del diciassettesimo e diciottesimo secolo, impreziosite da icone su vetro e legno.

In serata ritorno a Hoteni, cena in guesthouse accompagnati dalla musica del Maramureş suonata dai nostri padroni di casa e pernottamento.
Camere doppie con bagno privato.

9° giorno – Domenica 15 Agosto

Colazione in pensione. Partenza per la Bucovina e pranzo libero lungo il percorso.

Dopo aver attraversato boschi e seguito fiumi, giungeremo sino al passo Prislop (1416 metri) che segna l’ingresso nella regione romena della Moldavia. Giunti al villaggio di Moldoviţa visiteremo il primo dei monasteri affrescati all’esterno, simboli della Bucovina e più in generale tra i più importanti patrimoni artistici della Romania. Tipico esempio di sistema monastico fortificato, quello di Moldoviţa conserva anche un piccolo museo con arazzi intessuti di filamenti d’oro e d’argento. Attraversato un secondo passo (Ciumârna), arriviamo al villaggio di Sucevita: qui ci fermeremo per la notte presso una guesthouse a gestione familiare dove avremo la possibilità di scoprire il liquore caratteristico a base di mirtillo, chiamato “afinată”.

Pernottamento in guesthouse. Camere doppie con bagno privato

10° giorno – Lunedì 16 Agosto

Colazione in guesthouse. Al mattino visita del monastero di Sucevita, costruito nel 1586, è famoso per le sue tonalità di verde che caratterizzano gli affreschi esterni. Una camminata sulla vicina collina ci permetterà di godere la splendida vista dell’intero complesso monastico, con le sue mura e torri di guardia.

Da Sucevita ci sposteremo al villaggio di Marginea per scoprire la locale tradizione della terracotta nera. Il pranzo è previsto presso una famiglia del villaggio di Humorului. Nel pomeriggio avremo tempo per visitare il monastero di Voronet, il più famoso della regione, con le sue tonalità blu e l’ampio dipinto esterno che raffigura il giorno del giudizio.

Da Voronet ci trasferiremo all’aeroporto di Suceava in tempo utile per il volo di ritorno in Italia. Ai partecipanti verrà distribuito un packed lunch per la cena in aeroporto.

Volo di rientro: WIZZAIR SUCEAVA-BERGAMO 2000 – 21.15

Note di viaggio

Il presente programma può essere soggetto a variazioni, sia prima che in corso di viaggio, in base al clima, le festività, alle esigenze dei viaggiatori e delle persone che ospitano il gruppo di viaggiatori. Delle attività previste durante il viaggio non sono da considerarsi facoltative le visite alle comunità e ai progetti.

Obbligatorio documento di identità valido. Tutti i minori devono essere in possesso di documento di identità individuale.

Referente locale

Il viaggio è completamente accompagnato da Eugenio, referente locale parlante italiano e profondo conoscitore della cultura romena.

Quando

Il presente programma è valido per le date indicate nel sito www.viaggiemiraggi.org
Per maggiori informazioni vedere il documento Come viaggiamo, consultabile sul sito internet o richiedibile direttamente in agenzia.

Quanto

Quote a persona per il viaggio di  giorni per un gruppo di:

VoceQuota individuale
15 persone12 persone10 persone 8 persone
Quota viaggio1.120,001190,001270,001380,00

PER I DETTAGLI SULLA SCHEDA PREZZO TRASPARENTE CONTATTARE L’AGENZIA

Il costo totale espresso comprende:

  • materiale informativo, incontro pre viaggio e verifica post – viaggio
  • compensi di intermediazione
  • tutti i pernottamenti in camera doppia con bagno privato
  • trasporti con autobus privato
  • spese vive e compenso della guida locale
  • spese vive accompagnatore dall’italia
  • visita guidata a Timisoar, Sibiu, Sighisoara, Cluj, Sighet Marmatiei
  • concerti e danze folcloristiche come da programma
  • 1 pranzi e 10 cene (acqua e 1 alcolico/analcolico incluso per pasto)
  • contributo realtà associative locali
  • Assicurazione Nobis Hotel

Il costo totale espresso non comprende:

  • il volo aereo* di A/R, a partire da € 180. Prenotabile anche presso l’agenzia ViaggieMiraggi
  • supplemento singola (175 euro a persona)
  • assicurazione annullamento Nobis acquistabile tramite l’agenzia entro 32 giorni prima della partenza o al momento della conferma del viaggio
  • eventuali supplementi per fluttuazioni del cambio Lei romeno/euro
  • 8 pranzi non inclusi nel programma(costi indicativi di 10-12 euro a pasto a persona)
  • spese personali, extra in genere e quanto non espresso nelle voci sopra indicate.

 *il costo del volo aereo dipende dalla quotazione del biglietto al momento della prenotazione ed è soggetto a riconferma al momento dell’emissione

Le quote sono soggette a riconferma al momento della prenotazione

Condizione di realizzazione

Il numero minimo di partecipanti richiesto per la realizzazione del viaggio è di 8 persone, il numero massimo è di 15 persone. Il viaggiatore sarà informato 15 giorni prima della partenza del raggiungimento o meno del numero minimo di partecipanti.

Informazioni

Per maggiori informazioni:


Richiedi un preventivo Stampa programma

Prossime partenze

  • 07/08/21 16/08/21

Partenze confermate

Ti accompagnerà

Eugenio

Dopo aver trascorso due anni a Sarajevo dal 2010 al 2012 per un periodo di ricerca su welfare state e sfera pubblica in Bosnia Erzegovina, dal 2013 vive a Belgrado. Collabora con ViaggieMiraggi Onlus per il Turismo Responsabile, Osservatorio Balcani e Caucaso Transeuropa, Slow Food Internazionale. È tra i fondatori di Confluenze. Nel sud-est Europa con lentezza, realtà che coinvolge diversi ricercatori, cooperanti, giornalisti e artisti tra Italia e Balcani impegnati nella valorizzazione di queste terre attraverso attività di divulgazione storico-culturale e promozione di percorsi di turismo responsabile (www.confluenzeasudest.org).

 

 

Eugenio