Bosnia ed Erzegovina | Sarajevo

Sarajevo è la capitale e la più grande città della Bosnia ed Erzegovina. Qui convivono quattro religioni: quella islamica, quella cristiana ortodossa, quella cristiana cattolica e quella ebraica. È infatti una città famosa già dall’antichità per la sua multiculturalità e multireligiosità che la rendono un luogo di incontro tra oriente e occidente e che le hanno valso il soprannome di “Gerusalemme dei Balcani”.
Visiteremo la zona di Baščaršija, il cuore ottomano della città e che in passato era l’area dove sorgeva il mercato principale. Oggi in quest’area pedonale è possibile ammirare l’architettura tradizionale e molti laboratori di artigianto, oltre a numerose moschee.
Non perderemo l’occasione di visitare la Vijećnica, che è tornata a essere il palazzo del municipio di Sarajevo e dove, dal 1949, fu trasferita la Biblioteca Nazionale e Universitaria della Bosnia ed Erzegovina fino al 1992, anno in cui delle granate serbe causarono un incendio e la completa distruzione della biblioteca e la perdita del 90% dei suoi libri. Dopo anni di restauro, l’edificio è stato finalmente riaperto il 9 maggio del 2014 e ora è monumento nazionale.
Nel Museo nazionale della Bosnia ed Erzegovina, tra le altre opere d’arte, è contenuta la Haggadah di Sarajevo, il più antico documento sefardita del mondo. Le antiche tracce della comunità sefardita della città ci condurranno inoltre alla scoperta della sinagoga fino al cimitero ebraico e all’incantevole quartiere di Bjelave.
Dopo l’assedio durato tre anni dal 1992 al 1995, durante la guerra di Bosnia, Sarajevo si sta risollevando. Oggi è sede di molte università e ospita numerosi festival di importanza europea.

Sarajevo

Dove si trova Sarajevo