Il blog di VeM

Viaggio a Palermo con i ragazzi “che bruciano le frontiere”

Sicilia | Viaggio a Palermo con i ragazzi “che bruciano le frontiere”

31 ottobre 2017

A Palermo sono arrivati i ragazzi “che bruciano le frontiere”: con harraga in arabo si intendono “coloro che bruciano”, giovani che rischiano tutto pur di migrare e di sperare per sé e la propria famiglia, magari rimasta nel paese di origine, un futuro migliore.

La città siciliana è diventata, per molti ragazzi e giovani migranti, un approdo sicuro, dopo mesi o anni trascorsi fuggendo da paesi in cui c’è la guerra, in cui mancano opportunità, in cui i diritti fondamentali dell’individuo non sono garantiti.

Ragazzi Harraga è il nome del progetto coordinato da CIAI e realizzato insieme a una fitta rete di partner locali: Comune di Palermo e istituzioni, enti del privato sociale, aziende, realtà dell’accoglienza, enti per la formazione, l’orientamento e l’avviamento al lavoro. Ogni ragazza e ragazzo troverà innanzitutto ascolto per costruire un nuovo progetto di vita in Italia, per favorire una reale autonomia e aiutare l’inserimento lavorativo.

Visitare Palermo con alcuni di loro, che hanno riscoperto il valore dell’accoglienza e la capacità di inclusione e interazione sociale con la città e le persone che la vivono, è senz’altro una opportunità da non perdere.

Andiamo a conoscere i ragazzi Harraga, attraverso uno speciale e unico weekend con il CIAI.

Oltre al progetto visiteremo la città di Palermo con nuovi occhi. “Attraverso i miei occhi” è infatti il nome dell’itinerario che si snoda tra le vie della città, accompagnati oltre che da una guida turistica abilitata locale anche da una “guida migrante”, per ripercorrere insieme le sue esperienze, il suo rapporto con la città, con gli abitanti, con la nuova cultura e società nella quale si è inserito in questi anni. Scopriremo così, attraverso un’esperienza più intensa, realtà sconosciute e la città di Palermo sotto una luce nuova, attraverso appunto gli occhi dello “straniero”.