Il blog di VeM

Il Quarto Stato: arte per l’umanità

Piemonte | Il Quarto Stato: arte per l’umanità

30 aprile 2018

sento che ora non è più il tempo di fare dell’Arte per l’Arte, ma dell’Arte per l’Umanità

(Giuseppe Pellizza)

Simbolico e incredibilmente “vero”. Dal 2010 Il Quarto Stato, capolavoro di Giuseppe Pellizza, è esposto all’interno del Museo del Novecento. Un’opera visibile a ingresso gratuito, prima di accedere al museo vero e proprio, lungo la rampa elicoidale. Un capolavoro per tutti.

Il Quarto Stato giunge alla sua versione definitiva nel 1901, dopo quasi dieci anni di lavoro sullo stesso soggetto. L’ambientazione iniziale del quadro era all’interno della piazza Malaspina a Volpedo. Un piccolo centro agricolo della provincia di Alessandria, che diede i natali a Giuseppe Pellizza. Ben 150 anni fa.

Ed è per questo che vale la pena andare a visitare proprio quel luogo, quest’anno, insieme a Radio Popolare (a/r il 12 maggio!). Per scoprire la casa e lo studio del pittore. Immergersi nelle campagne circostanti. Farsi raccontare quello che sta dietro un quadro, la sua genesi, la storia personale, il percorso che ha portato Giuseppe Pellizza a raggiungere un’estrema sensibilità pittorica nella tecnica divisionista e insieme un profondo senso di giustizia e solidarietà. Un percorso che ha fatto di quest’opera il manifesto dell’impegno sociale e umanitario del pittore.

La prima versione del dipinto nasce da un evento ben preciso, una manifestazione di lavoratori a cui il pittore stesso aveva assistito. Negli anni di lavoro diventa infine una celebrazione della presa di coscienza della classe lavoratrice. Non è più una protesta: i lavoratori avanzano coraggiosi e profondamente conviti del valore del loro lavoro e capaci di rivendicare i propri diritti.

I suoi modelli sono veri, compiono gesti molto naturali, non sono una massa senza volto. Sono gli stessi abitanti di Volpedo e tra loro anche sua moglie Teresa. Una folla ordinata che emerge e coinvolge proprio perché vera. Un cammino unito e consapevole come icona universale dei diritti dei popoli.